rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Economia

Una pasqua dal segno più: decisivi gli ultimi giorni. Il bilancio di Confartigianato Firenze

Molto bene le colombe che arrivano a un +15%

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FirenzeToday

Pasqua con il segno più per gli artigiani fiorentini. Trainante il settore dei dolci artigianali. È stata “una Pasqua molto soddisfacente” per Marco Sgrilli (Pasticceria Gastronomia Caroti e Sgrilli), che ha registrato “un 15% in più soprattutto su colombe ma anche gastronomia”. L’ultima settimana e soprattutto gli ultimi tre giorni hanno dato “lo sprint giusto – riferisce Mirko Todaro della Pasticceria Batoni -. Molti si sono ritrovati all’ultimo ed è stato un gran bel lavorare: un’ottima Pasqua”. Bilancio molto positivo anche per Gianna Scatizzi (Dolci Pensieri): “Già l’anno scorso era andata bene rispetto agli anni del Covid, quest’anno ancor meglio. Due tre giorni prima c’è stato il boom delle prenotazioni”. Il settore della pasticceria e del dolciario è ad alta vocazione artigiana e affonda nella cultura e nella tradizione: nella sola Toscana, si contano oltre 400 prodotti agroalimentari per il periodo pasquale. Come altri settori artigiani però, riesce con difficoltà a reperire manodopera. Tutti i pasticcieri hanno fatto il massimo sforzo riuscendo a soddisfare la clientela ma, come emerge da uno studio di Confartigianato, 10mila tra pasticceri, panettieri e pastai sono difficili da reperire. In Toscana, come emerge dall’elaborazione su dati Unioncamere – ANPAL, oltre il 50% delle figure professionali richieste non si riesce a trovare. Infine, uno sguardo sul fronte turismo anch’esso contraddistinto dal segno più. Sylvia Bouyahia, presidente della categoria taxi di Confartigianato Firenze, riscontra che “ci sono molte presenze ma siamo riusciti a lavorare in modo ordinato, anche nei nodi più difficili come aeroporto e soprattutto stazione”. “Le previsioni per la stagione estiva – aggiunge Bouyahia – sono positive: la città è stata piena”. Dello stesso avviso Irene Floris, presidente di Confartigianato Turismo: “La città è stata brulicante di turisti. Il meteo, che avrebbe dovuto essere una nota dolente, ci è venuto incontro. Tutte ottime premesse in vista dell’estate”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una pasqua dal segno più: decisivi gli ultimi giorni. Il bilancio di Confartigianato Firenze

FirenzeToday è in caricamento