menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mukki: accordo con gli allevatori toscani sul prezzo del latte

Avrà durata triennale. La società Cli: "Ci sarà un nuovo disciplinare di produzione"

Il prezzo del latte alla stalla, pagato agli allevatori toscani della filiera Mukki, continuerà a essere 0,36 euro al litro anche per i prossimi tre anni (2021-2023).

L'accordo di durata triennale, come riporta T24, costola locale del Sole24Ore, è stato firmato da Centrale del latte d'Italia (Cli), società quotata in borsa che ha inglobato Mukki-Centrale del latte della Toscana, e cooperative Produttori Terre del Granducato e Cooperlatte.

Cli, spiega il quotidiano di Confindustria, ha come azionista di riferimento la famiglia Mastrolia (che attraverso Newlat detiene ora il 67,6% delle quote) con la partecipazione dei soci toscani guidati dal Comune di Firenze col 12,2%.

Il prezzo di 0,36 euro al litro (più eventuali bonus), spiega ancora T24, è uguale a quello che Newlat ha applicato all'atto del proprio ingresso societario, nell'aprile scorso, ribassandolo dal precedente 0,41 euro al litro.

Un ribasso che scatenò le proteste degli allevatori, secondo i quali il taglio di 5 centesimi contravveniva agli accordi di filiera validi fino al termine del 2020, e li indusse a chiamare in causa i soci toscani a difesa di Mukki.

La nota di Cli

"L'accordo sul prezzo del latte alla stalla, unico in Italia per la durata triennale, consolida la partnership tra industria e mondo agricolo e crea le premesse per dare stabilità e futuro alle nostre imprese e per rafforzare la filiera zootecnica toscana" spiega una nota della società.

L'accordo, secondo Cli, "rappresenta una garanzia di stabilità per la filiera toscana in una fase economica tanto incerta", in cui "prevalgono scelte di estrema prudenza" e "vuole essere un atto di indirizzo per tutto il mondo zootecnico italiano".

Con l'accordo attuale, secondo l'azienda, si avvierà anche un progetto integrato di filiera con un nuovo disciplinare di produzione che punta a una maggiore qualità del latte, miglior benessere degli animali, nuovi prodotti e confezioni ecosostenibili.

I sindaci del Mugello

Soddisfatti per l'accordo anche i sindaci del Mugello: "L'accordo salvaguarda l'alta qualità del latte del Mugello, vera eccellenza, e tiene conto della specificità del territorio" affermano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Galleria degli Uffizi e Palazzo Pitti: ecco quando riaprono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento