rotate-mobile
Economia Scandicci

Distretto della moda e non solo, a Scandicci quasi mille nuovi assunti: occupazione in crescita

Gli addetti a fine dello scorso anno erano 25.124 rispetto ai 24.338 di fine 2019

L'occupazione lavorativa a Scandicci ha subito un importante miglioramento rispetto al 2019. Un dato, fortunatamente, in contrasto con l'annuncio di pochi giorni fa di Hugo Boss di voler chiudere lo stabilimento proprio nel comune alle porte di Firenze. Durante il periodo della pandemia, nonostante un'iniziale flessione tra il 2019 e il 2020 (-165 addetti), si è registrato un +951 di assunzioni, andando così a confermare il trend degli ultimi anni: +16.83% nel quinquennio (i lavoratori nel 2016 erano 21.505). Gli addetti a fine dello scorso anno erano 25.124 rispetto ai 24.338 di fine 2019.

I dati sono stati forniti dall’Ufficio Statistica e Studi della Camera di Commercio di Firenze all'Amministrazione Comunale di Scandicci, che ne ha fatto richiesta tramite l’assessorato allo Sviluppo Economico. Il saldo positivo del biennio conferma l’andamento del dato dell’occupazione nel territorio comunale, con un aumento del 16,83% dei posti di lavoro negli ultimi cinque anni, ovvero una differenza in positivo di 3619 unità tra fine 2021 e fine 2016, quando gli addetti erano 21.505.

Hugo Boss chiude: 22 licenziamenti

Le aziende attive a Scandicci

Assieme al numero degli addetti, la Camera di Commercio ha anche fornito il numero delle sedi d’azienda attive a Scandicci che a fine 2021 sono 5.370, sostanzialmente stabili rispetto al 2019 quando erano 5.374 (-4).

Riguardo all’occupazione, dei 25.124 addetti totali nel territorio a fine 2021, 12.168 (ovvero il 48,43%) lavorano in attività manifatturiere, comparto che rispetto al 2019 ha visto una crescita  di 296 posti di lavoro (+2,5%). Più di tre lavoratori su dieci a Scandicci sono occupati nella pelletteria: gli addetti nel settore manifatturiero “Fabbricazione di articoli in pelle e simili” sono infatti 7.567, pari al 30,12% del totale degli occupati.

Oltre al comparto manifatturiero, altri settori che registrano crescite occupazionali sono quelli del commercio all’ingrosso e al dettaglio con 3.682 occupati (+143, aumento del 4,04%), delle costruzioni con 1.439 addetti rispetto ai 1349 di due anni prima (+90, pari ad una crescita del 6,67%),  dei servizi di alloggio e ristorazione con 969 addetti (+15, +1,6%), di informazione e comunicazione con 340 (+69, +25,46%), di attività finanziarie e assicurative con 484 (+94, +24,10%), immobiliari (251 addetti, +26, +11,56%), professionali, scientifiche e tecniche (1.141, +97, +9,29%), di noleggio, agenzie di viaggi, supporto alle imprese (2.155, +53, +2,52%).

In diminuzione gli addetti ad agricoltura e silvicoltura (213, -9, -4,02%), trasporto e magazzinaggio (1.209, -29, -2,34%), sanità e assistenza sociale (371, -6, -1,59%).

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Distretto della moda e non solo, a Scandicci quasi mille nuovi assunti: occupazione in crescita

FirenzeToday è in caricamento