Economia

Lavoro più stabile? Per la Cgil il Jobs act non c'entra

Per il sindacato le assunzioni sono merito delle defiscalizzazioni: "Toscana a due velocità, crescono anche i licenziamenti"

Se i contratti a tempo indeterminato aumentano non è certo merito del Jobs Act, ma del “doping” degli sgravi fiscali operati dal governo con la legge di stabilità. Lo dice la Cgil, analizzando i dati toscani sul lavoro: “L’occupazione complessiva pare in una linea di tendenza simmetrica a ciò che è avvenuto nel corso del 2014, prima del Jobs Act - commenta Daniele Quiriconi della segreteria del sindacato - nei primi sei mesi del 2015, infatti, sono stati avviati in totale 192.175 lavoratori; nel 2014 erano stati 179.33 (+7,2% nel rapporto 2015-2014) ma nel 2013 erano stati 167.351 con una crescita quindi anche nel 2014 sul 2013 del 7,16%".

"L’andamento della Cassa integrazione ci fornisce qualche ulteriore elemento di lettura dell’economia regionale - prosegue Quiriconi - la Cig scende nel primo semestre 2015 del 10,6%, rendendo evidente che un positivo effetto di riassorbimento per quanto modesto dei lavoratori in Cassa esiste, sia pure attenuato dal dato di coloro che hanno esaurito gli stessi ammortizzatori e dall’aumento dei licenziamenti. E da quello che una volta si definiva 'riduzione della base produttiva'. Tuttavia, questi stessi dati ci segnalano una Toscana a due velocità con un quadrante metropolitano centrale in cui la Cassa crolla ( Firenze -24% Prato -55% Pistoia -17,3%), e uno costiero in cui continua ad impennarsi (Livorno +58%, Pisa +36,5%). Il dato che più colpisce, però, è come continuino ad aumentare le cessazioni di lavoro 'stabile' ( +6,7%): in altre parole, significa licenziamento di persone con tutele piene, a differenza dei nuovi ingressi che in prevalenza godono di minori protezioni”.

"Tutto il resto è fumo propagandistico - prosegue - certo, magari una riforma delle pensioni più flessibile consentirebbe un ricambio generazionale, con l’ingresso di qualche centinaio di migliaia di giovani in attività con innegabili riflessi sulla produttività e la competitività, oltre a costituire una necessaria operazione di equità per milioni di lavoratori anziani. Ma di fronte a questa eventualità, più volte accennata dal Ministro del Lavoro - conclude Quiriconi - le cronache agostane paiono portare, insieme ai temporali, una vistosa retromarcia per ragioni di costo”.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro più stabile? Per la Cgil il Jobs act non c'entra

FirenzeToday è in caricamento