Economia

Latte, allarme materie prime. Gli allevatori toscani: "Aumento del 20% è insostenibile"

Tistarelli (Fedagripesca Confcooperative Toscana): "In crisi centinaia di aziende dell’agroalimentare"

I costi delle materie prime alle stelle mettono al palo centinaia di aziende dell’agroalimentare toscano. "E’ una situazione insostenibile, peraltro siamo già vessati dalla crisi determinata dalla pandemia, che ha contribuito a creare tensioni" denunciano gli allevatori.

"I rincari per le materie prime necessarie all’alimentazione degli animali sono inaccettabili e questo sta mettendo a rischio la zootecnia. Il mais che costava  30 euro al quintale ora è a 40 euro, il panello di semi di soia da 75 è passato a 105 euro" spiega Fabrizio Tistarelli, presidente Fedagripesca Cooperative Toscana e presidente di Latte Maremma, che ha appena compiuto 60 anni di attività.

Mukki: accordo con gli allevatori toscani sul prezzo del latte

"Ci sono stati grossi accaparramenti di materie prime da parte di paesi extra europei che hanno avuto un effetto speculativo sui prezzi - aggiunge Tistarelli - . In generale il rincaro delle materie prime-dal 20 fino al 40%- non coincide con l’andamento del mercato. Il Covid, inoltre, ha spostato i consumi dal latte fresco utilizzato in bar, hotel e gelaterie a quello a lunga conservazione, preferito dalle famiglie".

"Bisogna creare le condizioni per garantire un’adeguata remunerazione del lavoro degli allevatori, altrimenti si mette a rischio l’intera filiera e allo stesso tempo si deve continuare a garantire ai consumatori prodotti sicuri e di qualità, che sostengono l’economia, il lavoro e i territori italiani. Chiederemo alle istituzioni - conclude Tistarelli-   un potenziamento del sostegno alle imprese per il benessere animale e l’apertura di un bando per favorire il consumo di latte locale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Latte, allarme materie prime. Gli allevatori toscani: "Aumento del 20% è insostenibile"

FirenzeToday è in caricamento