menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Hotel Villa La Vedetta: salta il passaggio al nuovo gestore

La rabbia di Filcams Cgil Firenze: “Svanisce un’opportunità forse irripetibile, un triste epilogo per i 15 lavoratori. Ultima chiamata per istituzioni e politica per combattere la rendita”

Sembrava fatta, ma è saltato tutto. Questo quanto emerso oggi sulle sorti dell'Hotel Villa La Vedetta (Firenze) e dei suoi 15 lavoratori.

La proprietà (Selva Srl) ha infatti comunicato la sua indisponibilità a proseguire la sua partecipazione al tavolo di crisi della Città Metropolitana di Firenze che domani avrebbe dovuto riunirsi per la settima volta.

"Tutto è andato in fumo per la mancanza di capacità e di volontà da parte della stessa proprietà (e del precedente gestore, Immofin) di uscire dal proprio "particulare" - attacca la Cgil - Certo, in ballo ci sono pretese reciproche importanti (centinaia di migliaia, se non milioni di euro) a cui - evidentemente - non si è inteso rinunciare".

Sindacato all'attacco

"Ma su quella che in questi mesi ? assurta alla cronaca come una vera e propria vertenza simbolo del turismo in città, ci si attendeva qualcosa di più, che insomma si volasse un po’ più in alto. Sarà così il giudice, magari fra qualche anno, vista la lentezza della magistratura civile, a stabilire chi tra i due litiganti ha fondata ragione giuridica" prosegue il sindacato.

E aggiunge: "Nel frattempo però ciò che è parsa un'opportunità forse irripetibile di questi tempi, quella cioè costituita da Soges, pronta a rilevare l'attività di gestione e a mantenere i livelli occupazionali garantendo importanti condizioni sia ad Immofin che a Selva, è svanita nel nulla. Se questo è il triste epilogo, noi comunque non ci rassegniamo ed intendiamo farlo nel nome dei 15 lavoratori e dell'interesse generale, ripartendo da una considerazione che ? anche una sfida. In questi mesi di impegno al tavolo di crisi ci siamo trovati di fronte ad un sistema in cui la rendita ha alla fine mostrato il suo vero volto, estrattivo e parassitario, pressoché indifferente al tessuto economico e sociale in cui insiste e che peraltro contribuisce in modo determinante ad attribuirne il valore".

"E se tutto ciò suona per noi come una amara conferma di quello che in questi anni abbiamo continuamente denunciato sul tema - conclude la Cgil - per le istituzioni e per la politica tutta deve suonare, crediamo, come una sorta di ultima chiamata".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Oroscopo Paolo Fox oggi 12 aprile 2021: le previsioni segno per segno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento