Grand Hotel Baglioni di Firenze: riapertura al 16 giugno 2020

Uno tra gli alberghi iconici della città di Firenze torna nuovamente ad accogliere turisti e visitatori a partire dal 16 giugno 2020.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FirenzeToday

Firenze – 15 giugno 2020. Sono passati molti anni dall’ultima volta che il Grand Hotel Baglioni di Firenze ha visto le sue porte chiudersi per molti giorni. Succedeva il 4 novembre del 1966, a seguito di quella che divenne la più famosa alluvione del secolo. Allo stesso modo, anche questa nuova emergenza lo ha costretto ad una chiusura involontaria, per tutelare la salute degli ospiti e dei dipendenti. Oggi, finalmente, siamo arrivati alla data che vedrà nuovamente lo staff accogliere, con l’ospitalità che da sempre lo contraddistingue, nuovi viaggiatori e ospiti di vecchia data: il 16 giugno è il giorno scelto per la ripartenza, giorno in cui il rinomato albergo, situato a pochi passi dalla stazione di Santa Maria Novella e dal Duomo, tornerà ad essere un punto di riferimento per l’ospitalità cittadina. “Pur in assenza di motivazioni economiche” racconta il Direttore Generale Antonio Remaschi “con coraggio vogliamo dare uno stimolo ed un supporto alla ripresa della nostra Città, che tanto ha sofferto e sta ancora soffrendo la crisi derivata dall’emergenza sanitaria, che ha portato l’intero Paese alla paralisi.” “Sono state messe in atto tutte le precauzioni” continua Remaschi “perché siano rispettate le norme igienico-sanitarie richieste dal Governo per rendere sicuro e, soprattutto, spensierato il soggiorno di chi vorrà recarsi a Firenze.” Per info e prenotazioni: booking@hotelbaglioni.it 055 23580

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento