Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Flash mob delle guide turistiche contro il coronavirus: "L'Italia è sicura!" / VIDEO

Realizzato un video per rassicurare turisti italiani e stranieri

 

Un grido contro la psicosi da coronavirus. Il messaggio è scandito a chiare lettere ai piedi di Palazzo Vecchio: "l'Italia è sicura". Sono le guida turistiche, in un settore che sta risentendo degli effetti collaterali del Covid-19, a lanciarlo dal cuore della città facendo sentire la propria voce soprattutto in vista dell'apertura della "stagione" temendo una desertificazione di musei e tour dopo le cancellazioni degli ultimi giorni da parte dei viaggiatori.  Il timore è che la situazione possa diventare drammatica.

Inoltre il gruppo di guide - non facenti capo ad alcuna associazione ufficiale - hanno realizzato un video in italiano e in inglese per dire che l'Italia è un paese sicuro. Messaggio accompagnato dall'hashtag  #italyissafe, con la speranza che la notizia sconfini e diventi virale all'estero.   

Anche il vice presidente del Consiglio comunale ha voluto portare la sua vicinanza alle guide.  “Dobbiamo rilanciare il ruolo della nostra città che vive molto sul turismo e che a causa dell’emergenza Coronavirus sta subendo elevati danni economici. Sono a fianco delle guide turistiche – spiega Emanuele Cocollini – che svolgono, quotidianamente un lavoro importante e sono il nostro biglietto da visita per far conoscere la città più bella del mondo. Le istituzioni – aggiunge il vice presidente del Consiglio comunale Emanuele Cocollini – devono essere a fianco delle guide turistiche ed aiutarle nello svolgimento del proprio lavoro. In questo momento difficile è importante ribadire che Firenze è una città sicura e che abbiamo la capacità imprenditoriale, la professionalità e la cultura dell’accoglienza che sono i veri anticorpi alla crisi che stiamo vivendo. Adesso, è il momento di reagire! Dobbiamo ricreare quelle condizioni che sono fondamento per l’attrattività turistica, ricettiva e culturale per l’immagine della nostra città e del nostro Paese nel mondo”. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
FirenzeToday è in caricamento