Lunedì, 14 Giugno 2021
Economia

Richard Ginori, la svolta: Gucci presenta un'offerta da 13 milioni di euro

E' la nota griffe fiorentina il soggetto imprenditoriale che nei giorni scorsi ha avanzato una richiesta di partecipazione alle offerte per l’acquisizione dello storico marchio si Sesto Fiorentino

Il marchio Gucci

Poco dopo le 17 il cielo sopra Sesto Fiorentino si è improvvisamente rasserenato. Il sereno è arrivato quando si è diffusa la notizia che dietro al marchio della Richard Ginori ci fosse Gucci. Notizia prontamente confermata dall’offerente stesso. E’ proprio Gucci il soggetto imprenditoriale che nei giorni scorsi ha avanzato una richiesta di partecipazione alle offerte per l’acquisizione del marchio e delle attività della Ginori.

OFFERTA – Il gruppo fiorentino ha spiegato di aver presentato l'offerta tramite una sua società controllata: l’offerta, è pari a 13 milioni di euro per l’acquisto, con l'impiego di 230 lavoratori. “La decisione di presentare l'offerta da parte di Gucci – si legge nella nota – è coerente con la strategia di valorizzazione dell'eccellenza del Made in Italy nel mondo. L’offerta si basa su un progetto industriale e strategico di lungo periodo e si pone l’obiettivo di tutelare e rilanciare un marchio storico di Firenze, quale è Richard Ginori, sinonimo da sempre di qualità e artigianalità”.

RILANCIO – Il piano industriale, afferma il gruppo, “farà leva sulle competenze, il know-how e le sinergie esistenti tra i due marchi. In particolare, da un lato si focalizzerà, nel breve-medio periodo, sullo sviluppo dei prodotti e sulla produzione di articoli per il settore tableware, dedicato al segmento del lusso, mentre dall’altro lato contribuirà con le risorse e il supporto necessari per sviluppare e rendere le attività di Richard Ginori sostenibili in un'ottica anche di lungo periodo”. Gucci quindi intende “investire in un programma industriale per sostenere i piani produttivi”, supportando Richard Ginori nei processi di innovazione, ricerca e sviluppo, e sostenere i valori del made in Italy “attraverso la valorizzazione, la formazione e il mantenimento delle qualificate risorse umane già presenti in azienda”.

BARDUCCI – “L’offerta di Gucci per rilevare la Richard Ginori – ha dichiarato il presidente della Provincia si Firenze, Andrea Barducci, appena appresa la notizia – ci fa sperare in un'occasione di grande rilancio dell'azienda di Sesto Fiorentino”. “Dopo anni di sconforto – ha aggiunto l’ex sindaco di Sesto – finalmente si aprono nuove prospettive di ricollocazione per tanti lavoratori che finora hanno subito gli effetti negativi di una vicenda assurda. L’offerta che giunge da un’azienda di valore internazionale come questa consente ora di pensare alla piena valorizzazione di un marchio prestigioso e del patrimonio di esperienza e creatività che deriva dal Made in Italy”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Richard Ginori, la svolta: Gucci presenta un'offerta da 13 milioni di euro

FirenzeToday è in caricamento