Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Economia Campi Bisenzio

Gkn, operai in Piazza a Roma: "Basta, serve sciopero generale"

Presentata pdl anti-delocalizzazioni

Oltre cento lavoratori della Gkn di Campi Bisenzio (Firenze), molti rigorosamente 'in tuta blu', in protesta da questa mattina a Roma al Pantheon. Da luglio in 422 hanno ricevuto tramite email la comunicazione della multinazionale circa l'intenzione di chiudere lo stabilimento con conseguente attivazione della procedura di licenziamento collettivo. Una mazzata per gli operai di Gkn, multinazionale britannica che produce semiassi per diverse case automobilistiche, comunque evitata dal Tribunale di Firenze che a settembre si era espresso a favore del ricorso presentato dalla Fiom-Cgil, revocando così la lettera d'apertura della procedura di licenziamento collettivo. Sentenza comunque impugnata dalla multinazionale che intende andare avanti nella procedura di licenziamento. Scendono dunque in piazza oggi gli operai di Campi in occasione di una proposta di legge anti-delocalizzazioni che sarà presentata in parlamento alle 12, elaborata dagli stessi operai Gkn con un gruppo di giuristi e avvocati progressisti. "Gli incontri istituzionali non saranno sufficienti a far cambiare idea all'azienda", commentano amaramente in piazza i lavoratori tra fumogeni e tamburi, in una protesta chiassosa e colorata che colpisce anche l'attenzione dei molti turisti. Alla manifestazione si uniscono altre storie e vertenze, molte simili, da Alitalia a Whirlpool. "Serve la mobilitazione di piazza", ripetono convinti. La giornata romana è ricca di appuntamenti per i manifestanti che poi alle 15 saranno sotto il Ministero dello sviluppo economico con un picchetto in occasione dell'apertura di un tavolo sulla vertenza aperta. (Agenzia Dire)  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gkn, operai in Piazza a Roma: "Basta, serve sciopero generale"

FirenzeToday è in caricamento