Mukki si fonde con la Centrale del latte di Torino: nasce il 3° polo italiano

La nuova piattaforma Clt-Mukki si chiamerà "Centrale del latte d'Italia" 

Il marchio Mukki (fonte Facebook)

Centrale del latte di Torino e Mukki (Clf) sottoscrivono l'accordo: si' alla fusione, ovvero l'incorporazione della Centrale del latte di Firenze in quella piemontese. La fanno sapere, riporta la Dire, le due societa' che spiegano: il primo effetto post-fusione sara' quello nominale. La nuova piattaforma Clt-Mukki, infatti, si chiamera' "Centrale del latte d'Italia" (Cli) e rimarra' quotata al segmento Star dell'Mta. Per effetto della fusione, la newco "subentrera'- sottolineano le due aziende- in tutti i rapporti giuridici attivi e passivi facenti capo a Clf; tali attivita' e passivita' per effetto di una successiva operazione di scorporo, saranno conferite ad una nuova societa', interamente posseduta da Cli (ovvero la 'Centrale del latte della Toscana') avente sede legale ed operativa a Firenze". Un passaggio, quello della Centrale del latte della Toscana, volto "a garantire il consolidamento patrimoniale, la tutela del sito produttivo e la salvaguardia degli attuali livelli occupazionali della Mukki".

L'operazione e' finalizzata a creare un polo interregionale specializzato nella produzione e nella commercializzazione di prodotti lattiero-caseari "che aggreghi realta' e marchi a livello locale, accomunati da valori essenziali quali la qualita', la sicurezza, la territorialita'", ma anche, specificano "il prosieguo delle relazioni con la filiera zootecnica della Toscana". Un accordo, dicono, che "dara' vita al terzo polo lattiero-caseario in Italia con una posizione di leadership nelle regioni Piemonte, Toscana, Liguria e Veneto, con un fatturato di circa 200 milioni di Euro, cinque stabilimenti produttivi e 430 dipendenti".

L'azionariato della Centrale del latte quindi vedra' la Clt con il 36,99% di azioni; il Comune di Firenze con il 12,25%; Fidi Toscana al 6,83%; il Comune di Pistoia al 5,26%; Lavia al 3,99%; la famiglia Luzzati al 2,56%; la Camera di Commercio di Firenze al 2,31%; il Comune di Livorno allo 0,97%. L'operazione, inoltre, comportera' "un completamento del portafoglio prodotti offerti da Clt grazie alla ampia gamma Mukki; una forte spinta commerciale dei prodotti Mukki attraverso la rete Clt; "un aumento del potere contrattuale con i clienti ed i fornitori"; la possibilita' di aumentare i volumi e i mercati di export; un aumento della capacita' di investire in ricerca e sviluppo".

Per quel che riguarda la fusione per incorporazione di Mukki in Clt, il rapporto di concambio e' stato definito in questi termini: una nuova azione ordinaria Cli ogni 6,1965 azioni ordinarie Mukki: "Non sono previsti meccanismi di aggiustamento del rapporto di cambio". "Non sono previsti conguagli in denaro", si sottolinea. Per soddisfare il rapporto di cambio quindi, Clt aumentera' il proprio capitale sociale da 20,6 milioni di euro a 28.840.041 euro mediante l'emissione di 4.000.020 nuove azioni ordinarie Clt con le le medesime caratteristiche di quelle in circolazione che "continueranno a essere quotate sul mercato". La fusione, puntualizzano le due realta' imprenditoriali, "non legittimera' l'esercizio di alcun diritto di recesso da parte degli azionisti che non avranno concorso alla deliberazione assembleare di approvazione del progetto, in quanto le deliberazioni proposte non configurano alcune delle ipotesi previste dalla legge".

La fusione, e' scritto nell'accordo, e' "subordinata" al compimento di una serie di condizioni. Primo: la sottoscrizione da parte dei soci di riferimento di Clt e Mukki "di un patto parasociale che raggruppi complessivamente almeno il 51% del capitale sociale della Cli post-fusione e che contenga talune pattuizioni di governance volte a mantenere stabilita' al management del Gruppo, a salvaguardare la mission aziendale, nonche' a disciplinare il regime di circolazione delle azioni CLI vincolate al Patto". Secondo: la "non applicabilita' ai soci aderenti al patto parasociale della disciplina in materia di offerte pubbliche di acquisto obbligatorie". Terzo, le modifiche allo statuto sociale che prevedano, oltre al cambio di nome, "l'aumento fino a 14 del numero dei componenti del Cda e l'inserimento della clausola del voto maggiorato".

Inoltre e' necessaria l'integrazione nel Cda della Centrale del latte di Torino da quattro componenti nuovi "designati da soci di Clf". Condizioni che si dovranno espletare entro il 30 settembre 2016 altrimenti "l'accordo dovra' intendersi definitivamente ed automaticamente risolto e privo di efficacia". Stando all'accordo sottoscritto i due Cda dovranno approvare il progetto di fusione entro il 25 gennaio 2016, ed nelle assemblee straordinarie delle societa' entro il 25 marzo 2016. E' previsto, infine, che il perfezionamento e l'efficacia della fusione, avvenga entro l'1 semestre 2016. Per quel che riguarda il patto parasociale durera' tre anni, con previsione di tacito rinnovo, "fermo restando che lo stesso verra' meno nel caso in cui le azioni ordinarie Cli vincolate al patto non dovessero piu' rappresentare almeno il 51% del capitale sociale della societa' post-fusione". Il patto vieta ai soci sindacati di stipulare, per la durata del patto, accordi di alcun tipo, diversi dal patto, relativi a societa' post-fusione.

“Un accordo – fanno sapere da Parigi i sindaci Piero Fassino e Dario Nardella - che va nella direzione della crescita della Centrale del Latte di Torino e della Mukki, della garanzia dell'occupazione e dell’approvvigionamento delle materie prime dalla filiera produttiva toscana e piemontese con la costituzione di un polo di eccellenza italiano”. 

“L’aggregazione firmata oggi risponde al progetto di valorizzazione del territorio piemontese e toscano assicurando certezza sul perseguimento degli obiettivi e sul futuro delle due aziende. Il progetto che sarà sottoposto alle due città e agli altri soci – hanno proseguito Fassino e Nardella - va nella direzione anche della riorganizzazione delle partecipate italiane e della creazione di grandi player nazionali”.

Un’operazione vista con cautela da Confagricoltura: “Aspettiamo di dare un giudizio su questa fusione - ha dichiarato Giacomo Matteucci, referente Confagricoltura Toscana  - perché ancora non abbiamo visto alcun documento di programmazione”. “Ribadiamo quello che avevamo già detto in passato: ogni sforzo indirizzato verso il mantenimento di occupazione e incentrato sulla valorizzazione del territorio potrà avere il nostro gradimento. Contiamo a breve di essere coinvolti perché ad ora nessuno ci ha informato di ciò che apprendiamo dalla stampa”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 18 novembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Coronavirus, Giani: "Possibile Toscana arancione a inizio dicembre"

  • Coronavirus, nuova ordinanza: vietato consumare cibo e bevande sul posto e nel raggio di 50 metri 

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 20 novembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 novembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Rinnovo della patente di guida: tutte le informazioni

Torna su
FirenzeToday è in caricamento