rotate-mobile
Economia

Da Firenze al resto del mondo: arriva 'Firenze Bottegaia', lo shop on line 100% made in Florence

Via al portale gratuito per le vendite online dedicato alle attività del territorio, messo a disposizione dai Postini Fiorentini

Dai prodotti dei maestri cioccolatieri alle creazioni in oro tipicamente fiorentine fino ai dipinti a mano, all'oggettistica, all'abbigliamento legato alla Fiorentina o al calcio storico. Sono solo alcuni esempi di quello che offre Firenze Bottegaia, la rete delle botteghe fiorentine. Firenze Bottegaia è un portale online gratuito ideato e messo a disposizione dai Postini Fiorentini di tutti gli artigiani o imprenditori che vogliono vendere i propri prodotti tramite web. Un canale, presentato ieri in Palazzo Vecchio, per vendere in tutto il mondo dunque, ma soprattutto una vetrina per le botteghe fiorentine, vero vanto per tutta la città.

“È da tanto che stiamo lavorando a questo progetto e finalmente siamo arrivati al lancio della nostra piattaforma” spiega Alessandro Prosperi, CEO di Postini Fiorentini. “La pandemia ci ha fatto capire quanto, ancora una volta, sia  importante il mondo della vendita online anche per le attività del territorio. Ma per molti ha significato investimenti proibitivi, impiego di personale o collaborazioni che richiedevano percentuali sulle vendite. Abbiamo deciso quindi di creare un nuovo spazio con una concezione diversa:  su Firenze Bottegaia viene fornita assistenza su tutto il processo di vendita, gratuitamente. Un sistema virtuoso che sosterrà le imprese, offrirà prodotti di qualità agli utenti e incrementerà le spedizioni per la nostra azienda”.

All’interno di Firenze Bottegaia si trovano attività diverse: associazioni sportive come il  Centro Storico Lebowski e i Verdi di San Giovanni, le creazioni di Maison Gab o della Cioccolateria Urzi. Un elenco in costante aggiornamento che abbraccia settori diversi.

“Visitando il sito, l’utente non troverà solamente prodotti unici, ma potrà scoprire le storie di negozi, artigiani e associazioni, che meritano di essere conosciute e che più di tutte hanno sofferto questo periodo di grande difficoltà” prosegue Prosperi.

Acquistando su Firenze Bottegaia, infatti, si potranno sostenere i negozi della città, tornando così a far vivere veri pezzi di storia. Saranno poi i Postini Fiorentini a prendersi cura di tutto il processo di spedizione. In questo modo, i prodotti verranno consegnati con la cura e la passione che contraddistingue i dieci anni di vita dell'agenzia postale privata attiva nel settore della corrispondenza, delle spedizioni e della logistica cittadina.

“Appoggiamo con grande piacere questa iniziativa che mette a disposizione uno strumento in più per far conoscere e per sostenere le nostre botteghe – spiega l’assessore alle attività produttive Federico Gianassi -. Durante la pandemia abbiamo scoperto l’importanza degli strumenti online per i prodotti dell’artigianato locale e adesso unire tradizione e innovazione è un'opportunità da non perdere”.

"Firenze bottegaia è una preziosa opportunità per gli artigiani fiorentini, che hanno dimostrato di saper affrontare le sfide globali con spirito imprenditoriale e voglia di fare ancora meglio, unendo la capacità di innovazione con il forte legame con le tradizioni. Il nuovo portale permette di far conoscere ai turisti ma anche agli stessi fiorentini le eccellenze del territorio, i prodotti, le storie delle persone che lavorano ogni giorno con passione e maestria nelle botteghe, contribuendo a salvaguardare un patrimonio importante ed identitario della nostra città", afferma Paolo Gori, vicepresidente Confartigianato Imprese Firenze. "Da tempo Confartigianato imprese Firenze insieme all'amministrazione comunale e ad altre istituzioni cittadine è  impegnata nella valorizzazione delle botteghe e dell'artigianato: questa iniziativa va nella stessa direzione, ponendo l'accento sul digitale".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Firenze al resto del mondo: arriva 'Firenze Bottegaia', lo shop on line 100% made in Florence

FirenzeToday è in caricamento