rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Economia

Toscana: le famiglie non rinunciano al cenone e pranzo di Natale

165 milioni di euro la spesa in Regione per cibi e bevande, +3 percento rispetto al 2013. Il 95% delle famiglie lo trascorrerà in casa

Nonostante la crisi economica, le famiglie della Toscana restano fedeli alla tradizione e non rinunceranno quest’anno al classico cenone della vigilia e al pranzo di Natale. Lo afferma il Codacons, che ha monitorato la propensione alla spesa alimentare per il Natale 2014.

Tra alimenti e bevande le famiglie della regione spenderanno complessivamente circa 165 milioni di euro per il classico pranzo di Natale e il cenone della Vigilia, circa il 3% in più rispetto allo scorso anno - spiega l'associazione –. I consumatori durante queste festività hanno infatti deciso di tagliare su altre voci di spesa, riducendo in primis i regali, addobbi e spostamenti, ma non intendono contrarre i consumi alimentari tipici del Natale, che appaiono in lieve salita rispetti a quelli del 2013.

La parte del leone la faranno carne  e pesce, per i quali si spenderanno poco più di 61 milioni di euro; 30 milioni invece la quota destinata a spumanti, vini e bevande varie. Per i dolci classici del Natale le famiglie pagheranno complessivamente circa 27 milioni di euro.

Per tanto riguarda invece ristoranti e pubblici esercizi, la quasi totalità dei cittadini (il 95%) trascorrerà le feste in casa con parenti e amici. Solo il 5% opterà per cenoni e pranzi presso ristoranti e locali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Toscana: le famiglie non rinunciano al cenone e pranzo di Natale

FirenzeToday è in caricamento