rotate-mobile
Economia

Export, il Consorzio Vino Chianti: “Niente trionfalismi, aziende piccole in grande difficoltà”

Il direttore Bani: “Le banche non fanno credito, così si va a sbattere”

"Attenzione al trionfalismo. È vero che, secondo i dati di Intesa Sanpaolo, le esportazioni del distretto del vino dei colli fiorentini e senesi hanno registrato per i primi nove mesi del 2021 un +17% rispetto al 2019, ma questo non significa che sia tutto rose e fiori. Anzi”.

A dirlo è il direttore del Consorzio Vino Chianti Marco Alessandro Bani a proposito dei dati diffusi da Intesa Sanpaolo nel suo Monitor dei distretti toscani.

Export Toscana: a settembre 2021 è tornato sopra i livelli pre-Covid

“Nel settore del vino – continua Bani – ci sono situazioni molto diverse tra di loro: alcune aziende stanno faticando perché non gli viene concesso credito dagli istituti bancari. Quando si parla di crescita si deve far riferimento anche ad un maggior bisogno di finanza, necessaria a pagare l’aumento di magazzino. Questa crescita è tutta sulle spalle delle imprese e poco sostenuta dal sistema bancario”.

“Il mondo del vino è molto ampio – conclude il direttore del Consorzio Vino Chianti – e all’interno non ci sono solo aziende grandi. Ci sono anche quelle piccole che vanno aiutate. Ci deve essere allora un sistema generale di sostegno, a tutto tondo”.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Export, il Consorzio Vino Chianti: “Niente trionfalismi, aziende piccole in grande difficoltà”

FirenzeToday è in caricamento