Domenica, 16 Maggio 2021
Economia

Decreto Natale, i commercianti fiorentini: "Questo apri e chiudi costerà la vita a tante imprese"

La protesta di Monica Coppoli, portavoce del gruppo Commercianti uniti Firenze

“Assurdo chiudere negozi, gioiellerie e centri estetici. Questo apri e chiudi può costare la vita a tante imprese, non è un gioco per noi”. Così Monica Coppoli, portavoce del gruppo Commercianti uniti Firenze, meglio conosciuti come 'Esistiamo' per via dei cartelli esposti in oltre 50 strade, commenta il Decreto Natale.

“Al Governo diciamo basta – prosegue Coppoli -. O ci permette di lavorare e quindi ci tiene aperti o chiusi e, in quest'ultimo caso, deve darci un indennizzo proporzionale alle perdite di fatturato. La Regione Toscana sta per erogare ai ristoratori un contributo economico e noi appoggiamo questa iniziativa. Ma chiediamo alla Regione di non dimenticarsi di tutte le altre categorie economiche".

"Dicembre in fumo, il 24 chiusi"

"Ripeto: 'Esistiamo' - aggiunge la portavoce - I nostri magazzini sono pieni, i negozi vuoti. Dicembre, che rappresenta il 50% degli incassi annui, è andato in fumo e ora dal Governo l'ennesimo colpo di grazia: il 24, il giorno più redditizio di tutto l'anno, ci chiude”.

Per Coppoli, le attività commerciali “vivono un lockdown mascherato”. “Ci tengono aperti – sottolinea – ma di fatto è come se fossimo chiusi visto che dai comuni limitrofi non possono raggiungerci e in giro non c'è quasi nessuno. Il tutto senza avere un indennizzo”.

Cos'è 'Commericanti uniti'

Commercianti Uniti Firenze è un movimento spontaneo guidato da donne nato nella settimana del Black Friday.

In soli sette giorni, mille cartelli sono stati esposti in 50 strade, per ribadire alle istituzioni quello che è diventato il motto del gruppo: “Esistiamo”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Decreto Natale, i commercianti fiorentini: "Questo apri e chiudi costerà la vita a tante imprese"

FirenzeToday è in caricamento