rotate-mobile
Economia

Crisi economica e lavoro: in Toscana aumentano le ore di cassa integrazione

Nei primi sette mesi del 2013 l'aumento è dello 0,74%. Considerando le richieste non approvate per mancanza di risorse, le ore di Cig da gennaio a luglio passerebbero da 29,97 milioni a 35,62 mln, con un aumento del 16,48% rispetto al 2012

Il sottotitolo della crisi si chiama lavoro: quello che non c’è più, in primis. E allora il termometro della situazione lo dà la cassa integrazione che in Toscana a luglio cala ma che, preso il consuntivo dei primi sette mesi del 2013, segna ancora un aumento (+0,74%). Secondo quanto afferma la Cgil Toscana, tuttavia, il dato è alterato al ribasso dal blocco dei finanziamento operati sulla Cig in deroga: considerando anche le richieste non approvate per mancanza di risorse, le ore di Cig da gennaio a luglio passerebbero da 29,97 milioni a 35,62 mln, con un aumento del 16,48% rispetto allo stesso periodo del 2012. 

Il dato complessivo delle domande pervenute per la cassa in deroga, comprese quelle in attesa di approvazione per mancato finanziamento, supera al 31 luglio i 14,7 mln di ore, con 20.500 lavoratori in attesa di risposte solo in Toscana. Oltre alla Cig in deroga cresce quella ordinaria (8,2 mln di ore contro i 6,6 mln del 2012, +24%) e la straordinaria per aziende di maggiori dimensioni e in crisi non congiunturale (12,9 mln di ore contro 11,9 del 2012, +14,8%). 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi economica e lavoro: in Toscana aumentano le ore di cassa integrazione

FirenzeToday è in caricamento