menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crisi Covid: il tribunale nomina un commissario per la società di affitti turistici fondata da Ferragamo

La 'Halldis' gestisce ville e appartamenti a Firenze, in Toscana e nel resto d'Italia. Ha accumulato debiti per oltre 12 milioni nel solo 2019 e ora chiede il concordato con riserva. Tremano i proprietari immobiliari

Il tribunale di Milano ha nominato un commissario giudiziale, Alfredo Imparato, dopo la richiesta di concordato con riserva presentata dalla società di affitti turistici Halldis, fondata da Leonardo Ferragamo e Pietro Martani. Lo scrive Toscana24, 'dorso' locale del Sole 24 Ore.

Halldis ha in portafoglio 2.000 splendide ville e appartamenti di pregio in Italia, tra cui molte in Toscana e a Firenze, e all'estero, gestite per conto di proprietari privati e istituzionali.

Nel 2019, secondo quanto indicato dal decreto emesso dal tribunale, la società ha fatturato 5,7 milioni e accumulato debiti per quasi 12,2 milioni, tra cui quelli verso i proprietari degli immobili destinati all'affitto, che ora sono preoccupati.

"Il recente acuirsi delle difficoltà finanziarie di Halldis ha generato un significativo numero di contenziosi che rischia di riflettersi negativamente sulla disponibilità del portafoglio immobili gestito dalla stessa Halldis", scrive il tribunale meneghino.

Lo stato di difficoltà della società (che secondo Toscana24 perde soldi da anni: 4,5 milioni di perdita nel 2017, 2,2 milioni nel 2018) si è aggravato notevolmente a seguito dell'epidemia da Covid-19.

Il Coronavirus, scrive ancora il tribunale, "ha determinato una forte contrazione dei ricavi a fronte di costi solo in parte comprimibili" che ha generato "una situazione di profonda tensione finanziaria". Ecco perché Halldis "versa oggi in uno stato di crisi che richiede un intervento di ristrutturazione".

Il Tribunale ha fissato in 120 giorni a partire dal deposito della domanda (1 agosto) il termine per presentare il piano e la proposta definitiva di concordato preventivo o la domanda di omologa di accordi di ristrutturazione dei debiti. Quindi ha nominato il commissario.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento