menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sale l'inflazione a marzo: in aumento alberghi e abbigliamento, giù gli alimentari

Questa la rilevazione dell'Ufficio comunale di Statistica: la variazione mensile dei prezzi si è innalzata dello 0,5% (mentre a febbraio era calata dello 0,6%). Giù il prezzo della carne, frutta e vegetali ma cresce il pane

Aumenta l’inflazione nel mese di marzo. A rilevarlo l’Ufficio comunale di Statistica: la variazione mensile dei prezzi, infatti, si è innalzata dello 0,5% (mentre a febbraio era calata dello 0,6%); mentre la variazione annuale è del +0,5% (a febbraio era +0,4%). A contribuire a questo dato sono state, rispetto al mese precedente, soprattutto le variazioni nella divisione Prodotti alimentari e bevande analcoliche (-0,5%), Abbigliamento e calzature (+0,9%), Mobili e articoli per la casa (+0,4%) e Servizi ricettivi e di ristorazione (+3,5%).

Nella divisione Prodotti alimentari, la variazione di -0,5% su base mensile è dovuta alle diminuzioni dei prezzi delle carni (-0,4%), della frutta (-3,5%) e dei vegetali (-2,1%); mentre pane e cereali sono in aumento dello 0,2%. Nella divisione Abbigliamento e calzature, la variazione è dovuta all’aumento dei prezzi degli indumenti (+1,0%) e delle scarpe ed altre calzature (+0,4%). Nella divisione Mobili e articoli per la casa, la variazione mensile (+0,4%) è il risultato degli aumenti dei servizi per la pulizia e la manutenzione della casa (+1,2%) e della diminuzione dei beni non durevoli per la casa (-0,5%). Nella divisione Servizi ricettivi e di ristorazione sono in aumento i servizi di alloggio (+14,8% rispetto a febbraio 2014 e +5,3% rispetto a marzo 2013).

Per quanto riguarda il carrello della spesa, i prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza dai consumatori sono diminuiti dello 0,2% rispetto al mese precedente e sono in aumento del +0,3% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. I prodotti a media frequenza di acquisto sono aumentati di +1,3% rispetto a febbraio 2014; quelli a bassa frequenza sono invariati rispetto a febbraio e diminuiti di -0,5% rispetto a un anno fa.

I beni, che pesano nel paniere per circa il 56%, hanno fatto registrare a marzo 2014 una variazione di -0,2% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. I servizi, che pesano per il restante 44%, hanno fatto registrare una variazione annuale pari a +1,3%. Scomponendo la macrocategoria dei beni, si trova che i beni alimentari registrano una variazione annuale pari a +0,9%. I beni energetici sono in diminuzione di -3,5% rispetto a marzo 2013. I tabacchi fanno registrare una variazione nulla rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. La componente di fondo (core inflation) che misura l’aumento medio senza tener conto di alimentari freschi e beni energetici è +1,0%. L’indice generale esclusi energetici è +0,9%.

La rilevazione si è svolta dal 1° al 21 del mese di marzo su oltre 900 punti vendita (anche fuori dal territorio comunale) appartenenti sia alla grande distribuzione sia alla distribuzione tradizionale, per complessivi 11.000 prezzi degli oltre 900 prodotti compresi nel paniere. Sono poi considerate anche quotazioni di prodotti rilevati nazionalmente e direttamente dall'Istituto Nazionale di Statistica. I pesi dei singoli prodotti sono stabiliti dall'Istat in base alla rilevazione mensile dei consumi delle famiglie e dai dati di contabilità nazionale.

QUI LA SCHEDA SUI PREZZI PUBBLICATA DAL COMUNE DI FIRENZE

Tabella inflazione-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Eventi

Castello di Sammezzano: esauriti i posti per le visite del Fai

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento