Crescono i consumi in Toscana: Firenze la più ricca

Il mercato di auto e moto fanno da traino. Nella nostra regione si acquista di più che nel resto d'Italia

Nel 2014 in Toscana la spesa per beni durevoli ha segnato una crescita del 3%, superiore a quella italiana (che è del 2,4%). Sono i principali risultati emersi dalla ventunesima edizione dell’Osservatorio di Findomestic Banca sul consumo di beni durevoli in Toscana, presentato oggi a Firenze.

A fare da traino sono state soprattutto le performance del mercato dell’auto nuova (+6,0%), usata (+5,1%) e per i motoveicoli (+3,5%). In aumento anche il comparto dei mobili, che ha fatto registrare un buon +2,2%. In calo invece la vendita degli elettrodomestici (-0,6%, in controtendenza rispetto all'andamento nazionale) e soprattutto di quelli informatici (-2,7%). 

La spesa complessiva per beni durevoli nel 2014 si è attestata a 3.814 milioni di euro, in aumento del 3% sull’anno precedente, quando si era attestata a 3.704 milioni di euro. Firenze si è confermata nuovamente come la provincia a reddito più elevato con 22.486 euro, seguita da Siena e Lucca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani: "La Toscana torna arancione dal 4 dicembre"

  • Coronavirus: Giani preme per anticipare il ritorno in zona arancione (e gialla)

  • Natale: 6 libri ambientati a Firenze da mettere sotto l'albero

  • Coronavirus: nuova ordinanza in Toscana  

  • Coronavirus, Giani: "Toscana arancione da domenica"

  • Ex Panificio Militare: i lavori per la nuova Esselunga slittano ancora

Torna su
FirenzeToday è in caricamento