rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Economia

Apre “CENTRO*Arezzo coop.fi”: un rinnovato polo commerciale | FOTO

È stato inaugurato oggi CENTRO*Arezzo coop.fi, lo spazio commerciale di proprietà di Unicoop Firenze, che è stato completamente rinnovato nell’estetica, nella struttura e nel nome. Nato 18 anni fa, e diventato uno dei più rilevanti centri della Toscana (con un bacino di utenza di circa 168.000 utenti), sarà d’ora in avanti dedicato al tempo libero, alla musica e agli incontri.

Precedentemente noto come Setteponti, la struttura ha subito una importante riqualificazione estetica e strutturale fortemente identificativa su progetto di Piuarch, pluripremiato studio tra i principali interpreti del linguaggio architettonico in Italia. A gennaio 2015 sono partiti i lavori di ristrutturazione, basati su un nuovo concetto di accoglienza del cliente. La volontà di partenza è stata quella di ridefinire il rapporto urbano tra il CENTRO*Arezzo coop.fi e la città intorno, in un dialogo ideale con il cuore del capoluogo aretino.

“Dopo 20 anni dalla sua apertura, il centro è stato rinnovato secondo criteri nuovi e all’avanguardia, in maniera elegante, e in modo da rappresentare un valore aggiunto per la città”, ha spiegato il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli durante il taglio del nastro. “È diventato un luogo al servizio dei cittadini, che sta dando ottimi risultati, al punto che, constatando anche la vicinanza con altri servizi commerciali rilevanti per la città, potrebbe essere opportuno organizzare un servizio navetta tra il centro storico e questa zona, per facilitare l’accesso a tutte le persone che preferiscono non spostarsi in macchina”.

Ha aggiunto Letizia Cantini, direttore del Patrimonio Unicoop Firenze: ”Volevamo che CENTRO*Arezzo coop.fi fosse il riferimento di qualcosa che il cliente riconosce: ad esempio a terra abbiamo utilizzato colori scuri che ricordano la strada, con la graniglia che era centrale negli edifici di un tempo, mentre la luce calda che scende dall'alto è ben lontana dalle luci artificiali utilizzate spesso nel commercio. Qui il cittadino può sentirsi a casa. I servizi in struttura penso siano un punto di partenza importante. Si rivolgono ai bambini, alle famiglie con i piccoli, così come agli adolescenti per le sale musica, e non solo, come l’area panoramica per rilassarsi, adatta a tutti. Abbiamo a disposizione anche altri spazi direzionali in cui stiamo pensando altri luoghi per il cittadino, ad esempio legati alla salute e alla prevenzione”. 

Da un luogo prettamente commerciale, il centro diventa così un luogo pubblico accogliente, dove poter trascorrere del tempo libero oltre ad avere occasioni di shopping. Infatti, viene ampliata l’offerta dei servizi, oltre che l’offerta commerciale, dove a brand di riferimento come Coop.fi (con il completo rinnovamento del supermercato, avvenuto lo scorso anno) e Euronics, si affiancano nuove insegne di primaria importanza a livello nazionale come l’abbigliamento di Decathlon per il mondo sportivo e all'aria aperta e H&M (con una ricaduta sul territorio notevole, anche per la creazione di un centinaio di nuovi posti di lavoro).

Il risultato dei lavori è un edificio iconico che si inserisce nel territorio diventando rappresentativo del tessuto urbano, e ne restituisce spazi, ambienti e servizi pensati per un maggiore coinvolgimento di soci e clienti, veri protagonisti di questo rinnovamento. Tra le novità del centro, l’ampliamento degli spazi interni, tra cui un’area relax panoramica al primo piano con veduta sulle torri di Arezzo, due sale musica e l’area giochi Bacogigi, sia interna che all’aria aperta, con appuntamenti di gioco educativo; una nursery completa di area allattamento e relax; la creazione di una corte esterna, di un parcheggio rinnovato (tra cui le nuove coperture sui parcheggi laterali).

Particolare attenzione per le varie aree verdi, tra fioriere, aiuole, alberi e prati, organizzati secondo il progetto pilota Verde O.A.S.I. (Ottimizzazione, Alternanza, Sostenibilità, Impegno) che rappresenta la nuova filosofia di selezione botanica dei centri commerciali Unicoop Firenze.

Inoltre, è stato rinnovato completamente il linguaggio visivo di segnaletica e archigrafia, con un sistema di icone e caratteri tipografici originali, sviluppati da uno dei più rappresentativi studi di branding tipografico a livello nazionale con sede a Firenze. Tra le particolarità dei lavori, la riqualificazione della struttura “a vendita aperta”, senza mai interrompere l’attività commerciale.

PER FESTEGGIARE - GLI EVENTI IN PROGRAMMA

In occasione dell’evento inaugurale, fino al 6 novembre, CENTRO*Arezzo coop.fi proporrà una ricca programmazione di eventi correlati, tra sfide musicali, sfilate di moda, laboratori per bambini in occasione di Halloween, che si inaugurano il 26 ottobre alle ore 17.30 con il taglio della torta per tutti i soci e clienti presenti nel centro, e con l’esibizione degli sbandieratori della Giostra del Saracino.

Tra gli appuntamenti, si evidenzia, domenica 30 ottobre, la finalissima del concorso “Talent Move” alla presenza del cantante italiano Briga, al secolo Mattia Bellegrandi, arrivato a un passo dal podio di Amici di Maria De Filippi, e da allora seguitissimo. Briga presenterà e firmerà le copie del suo nuovo album discografico, “Talento”, tra rap e melodia, e premierà i vincitori di Talent Move, contest musicale gratuito per band e solisti emergenti della Regione Toscana, format originale di Unicoop Firenze, già sperimentato con successo a Montecatini, Centro dei Borghi, Empoli e Prato. I finalisti si esibiranno dal vivo durante l'intera giornata (ognuno con due brani musicali) presso un’apposita area allestita negli spazi del Centro*Arezzo coop.fi, e saranno giudicati da una giuria tecnica. In palio la registrazione di un cd promozionale e l’uso della sala prove gratuitamente per 50 ore (iscrizione gratuita, per informazioni talentmove16@gmail.com).

Il 29 ottobre, invece, alle ore 17.00 sarà in programma la giornata dedicata alla moda, in cui i negozi di CENTRO*Arezzo coop.fi presenteranno la collezione autunno-inverno 2016-2017. Sempre dal 29, fino al 31 ottobre, si terranno tre giorni dedicati ai più piccoli con “Dolcetto o scherzetto?”: al primo piano, nell’area Bacogigi, si terranno vari laboratori creativi a cura de La via dei colori, (associazione punto di riferimento per minori e minoranze vittime di maltrattamenti in struttura), mentre, per tutto il centro, ci saranno animazioni su scenografie ispirate a Halloween, con sfilate in tema e intrattenimenti di giocoleria, musica e teatro di strada nella galleria. Infine, dal 3 al 6 novembre, sempre per festeggiare l’inaugurazione, sarà attiva la campagna promozionale Buoni il doppio (ulteriori informazioni su www.centroarezzo.it).

LA RISTRUTTURAZIONE - ULTERIORI DETTAGLI

Superficie totale 18.000 mq // Lavori interessati dal progetto di riqualificazione: 2500 mq calpestabili // Nuova Facciata: 2600 mq di superficie // Esterni: nuovo sistema di aiuole verdi e marciapiedi per 2000 mq

Unicoop Firenze ha incaricato Piuarch - celebre studio milanese che quest’anno arriva ai vent’anni di carriera – di ridefinire completamente il rapporto estetico e funzionale tra polo commerciale e città, lavorando su un nuovo concetto di accoglienza e conducendo la riqualificazione senza mai interrompere l’attività commerciale. Dopo un anno e mezzo di lavori, si presenta oggi alla città un polo commerciale dalla veste profondamente rinnovata nella sua identità, che ha l’ambizione di definire un nuovo concetto di centro commerciale per la nostra epoca. Il progetto elaborato affronta e risponde infatti ad alcune delle più comuni problematiche dei così detti “nonluoghi”: cattedrali dei consumi nate in contesti urbani e commerciali che nel tempo sono profondamente mutati. Riflettere su aspetti che toccano la sostenibilità ambientale degli edifici, il rapporto col verde, la qualità dei materiali, degli spazi pubblici e delle relazioni che si determinano al loro interno è stato il primo passo per Piuarch. Si è poi affrontato il livello di integrazione di nuove funzioni che pongono al centro l’esperienza di visita, il comfort dell’ambiente circostante, il rapporto con categorie un tempo non incluse come bambini e anziani. CENTRO*Arezzo coop.fi è il primo segno di una delle possibili forme attraverso cui la grande distribuzione può influenzare positivamente l’evoluzione della città, tanto più significativo proprio perché si è trattato di una riqualificazione del patrimonio esistente e non di nuova edificazione. Una strada di responsabilità civile che può essere ulteriormente sviluppata per il beneficio dei nostri centri urbani.

Concept - il logo che diventa pattern - Si è indagato il rapporto tra la brand identity di Coop e l’identità visiva dell’edificio, partendo proprio dagli elementi caratterizzanti il logo. Scomponendo le quattro lettere del logo Coop - progettato da Albe Steiner nel 1963 e rivisto poi nel 1985 da Bob Noorda - emergono due costanti: il cerchio e il nastro continuo. Destrutturando il logo in segni grafici si arriva a comporre un pattern che si applica e caratterizza la nuova facciata, elemento chiave della rinnovata identità.

La Facciata di CENTRO*Arezzo coop.fi è stata pensata per diventare un punto di riferimento optical capace di caratterizzare l’identità visiva del centro. Si estende per una lunghezza di 235 metri e una superficie complessiva di 2500 mq. È composta da due fasce, quella superiore è un nastro di pannelli di vetroresina bianca caratterizzata da fori di diametro variabile tra i 20 a 50 cm distribuiti a maglia regolare lungo tutta la superficie. La facciata interagisce continuamente con la luce naturale che ne modifica l’aspetto al variare della propria intensità e che, alla sera, esalta e identifica il volume con l’illuminazione artificiale. Alla base corre per tutta la lunghezza dell’edificio un basamento dell’altezza di 3,70 metri rivestito del tipico cotto aretino. Il dialogo tra il pattern di cerchi nelle facciata e il nastro continuo del basamento diventa l’elemento di identità del progetto: dando continuità visiva e omogeneità concettuale al rapporto tra ambienti interni ed esterni. La superficie bianca, forata, dai raccordi curvilinei accompagna il visitatore dalla facciata esterna, al controsoffitto della galleria coperta fino ad amplificarsi nelle superfici verticali della piazza interna. La vetroresina è rivestita con un gelcoat, un trattamento spesso utilizzato per le imbarcazioni. Questa finitura rende la superficie più liscia e diminuisce il depositarsi di polvere e microelementi: rendendo più facile la pulizia della facciata già solo ad opera della pioggia. Non un semplice rivestimento, ma una membrana interattiva e mutevole, dal peculiare effetto dinamico optical che rende il fronte di CENTRO*Arezzo coop.fi un riferimento per tutta la città.

Nuovi Spazi per consumatori cittadini - Gli spazi esterni e interni sono in una linea di continuità lungo un percorso che dall’ingresso principale conduce il visitatore attraverso i differenti ambienti che si affacciano sulla rinnovata galleria. L'ingresso pedonale è accompagnato da un asse verde composto da aiuole circolari tra le quali si snoda un percorso pavimentato. Lo spazio riprogettato perde il sapore del centro commerciale per assumere invece quello di luogo pubblico in cui poter sostare in aree identificate con termini come «corte esterna», «sentiero curvilineo», «area relax panoramico» e «giardino». Si distingue per innovazione la piazza centrale che ospita un’isola verde pensata e allestita per i bambini. Il pattern di cerchi caratterizza anche la grande corte interna – vero cuore di socialità e decompressione per i visitatori del centro. Attraverso essi dolcemente filtra la luce, sia naturale che artificiale: determinando una piacevole percezione dello spazio circostante caratterizzato dal divenire di mutevoli condizioni luminose. La qualità dell’ambiente è resa anche dalla cura con cui è stata trattata l’acustica. Le pareti della corte hanno infatti un effetto fono-assorbente, grazie alle forature che smorzano i rumori restituendo la sensazione di uno spazio rilassante. Superata la piazza interna, il percorso ispirato alle rotondità  del logo Coop si sviluppa e accompagna l’utente tra i negozi. Disposti su una maglia ortogonale inclinata di 45 gradi rispetto all’asse della galleria, i cerchi variano in maniera graduale, da 20 a 50 centimetri, lasciando filtrare la luce naturale proveniente da un lucernario. La pavimentazione utilizza un seminato alla veneziana - dal colore nero in variazioni di grigio – una superficie legata alla memoria e alla tradizione italiana, dall’aspetto rassicurante e naturale. Il risultato è una superficie fluida che offre un senso di continuità al percorso. Il colore scuro contrasta i toni di bianco delle altre superfici per ridurre i riflessi di luce sulle vetrine dei negozi interni, consentendo una migliore visione della merce.

Nuova Coop ad Arezzo

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Apre “CENTRO*Arezzo coop.fi”: un rinnovato polo commerciale | FOTO

FirenzeToday è in caricamento