rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Economia

Agricoltura toscana: bando da 200 mila euro per il tartufo

L'assessore Saccardi: "Un settore di rilievo che vogliamo consolidare"

E’ uscito il bando regionale che mette a disposizione oltre 200 mila euro per il ripristino ambientale delle aree tartufigene naturali e per la iniziative di tutela, promozione, valorizzazione economica del tartufo e dei territori tartufigeni.

“Il “prodotto tartufo” deve occupare un posto di rilievo nelle politiche di promozione della Toscana – ha detto la vicepresidente e assessora all’agroalimentare Stefania Saccardi – e con queste risorse vogliamo dare un sostegno al consolidamento di un settore che costituisce ad oggi una vera e propria economia del tartufo fatta di aziende di trasformazione e commercializzazione, servizi turistici, eventi, ristorazione, botteghe e ricettività. Il rafforzamento della filiera tutta tracciabile del tartufo in Toscana, deve essere la garanzia della piena legalità e trasparenza in grado di fermare le invasioni di prodotto dall’estero”.

tartufesta-tartufo-2

Beneficiari del bando sono le associazioni di raccoglitori riconosciute ai sensi della legge regionale 50/95 e i Comuni delle 5 aree tartufigene identificate dalla stessa legge.

“Potremo in questo modo – conclude Saccardi - assolvere anche a un ruolo importante nella logica più generale della valorizzazione dei territori e nella opportunità per le imprese agricole. Attraverso la costituzione di tartufaie a raccolta riservata nella propria azienda, queste possono trovare una occasione di reddito e di economia".

sagra-del-tartufo-dovadola_2_original

La Toscana è una delle regioni italiane più importanti per la produzione di tartufi. La raccolta riguarda soprattutto il tartufo bianco (Tuber magnatum Pico), il più pregiato, e in misura secondaria altre specie variamente diffuse sul territorio regionale, quali il tartufo marzuolo, il tartufo scorzone, il tartufo uncinato, il tartufo nero pregiato.

L’importanza del tartufo è suffragata dalla presenza di un numero considerevole di raccoglitori, di associazioni di tartufai e di alcuni consorzi volontari di tutela. Sono inoltre presenti importanti ditte di trasformazione e di commercializzazione del prodotto, e sono diffuse sul territorio iniziative quali mostre-mercato, sagre e feste paesane che testimoniano l’importanza del prodotto anche quale fondamentale attrattore turistico nei confronti di un numero sempre maggiore di persone.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agricoltura toscana: bando da 200 mila euro per il tartufo

FirenzeToday è in caricamento