Toscana Aeroporti: più di 77mila passeggeri in 15 giorni

Segnali di ripresa dopo lo stop del Coronavirus

Un segnale incoraggiante per il turismo e l'economia toscani in 15 giorni, nei due aeroporti del territorio Pisa e Firenze, si sono registrati 77mila passeggeri (con un fattore di riempimento degli aerei superiore al 53%). Questo aumento arriva dopo che le misure resesi necessarie per contrastare l’epidemia Covid-19 avevano sostanzialmente azzerato i movimenti nei due scali a partire da marzo.

Sono più di 20 le compagnie aeree che hanno ripreso a volare nei due aeroporti, riattivando oltre 60 rotte, di cui circa 40 internazionali e 20 nazionali.

 Più in dettaglio, presso l’aeroporto di Pisa sono transitati oltre 56.000 passeggeri, qui sono operative 12 compagnie che servono più di 30 destinazioni internazionali e 11 nazionali con un fattore di riempimento dei voli del 58%.

 Nell’aeroporto di Firenze sono transitati più di 20.000 passeggeri, sono nuovamente attive 13 compagnie aeree che servono più di 20 rotte tra nazionali e internazionali con un fattore di riempimento dei voli superiore al 43%.

Dati ancora molto lontani dalla “normalità” pre-Covid-19: dal confronto tra i dati dei primi 15 giorni di luglio del 2019 e i primi del 2020 è emerso che il calo dei passeggeri è pari all’81,9% (già in netto miglioramento rispetto al -97,5% del mese di giugno 2020, con un dato progressivo dei primi sei mesi di -72,8%). In uno scenario particolarmente complesso per l’intero settore dove, a livello europeo, Aci-Europe stima un calo del traffico dell’81% a luglio e del 74% in agosto si evidenziano però i primi importanti segnali di ripresa con ripercussioni significative sull’intero indotto economico.

Quasi tutti gli esercizi commerciali presenti negli scali hanno riaperto, così come sono stati riattivati i servizi di trasporto gomma e rotaia per raggiungere i due aeroporti, riaperti la quasi totalità dei parcheggi con offerte promozionali particolarmente vantaggiose e stanno via via ripartendo anche gli autonoleggi.

Misure di sicurezza

Particolarmente importante, nel favorire la ripresa, l’impegno di Toscana Aeroporti che, presso i due scali, ha implementato un protocollo di sicurezza specifico che prevede, su base volontaria, la possibilità per i passeggeri in partenza di sottoporsi – prima dell’ingresso in aeroporto – a un test sierologico veloce. Inoltre, prima dell’ingresso nell’aerostazione, i passeggeri in partenza – ai quali vengono offerti guanti, mascherine e gel sanificante – accedono a un portale per la sanificazione personale, irrorato da una nebbiolina di perossido di idrogeno.

Le misure di contrasto al Covid-19 adottate da Toscana Aeroporti per realizzare degli scali il più possibile “covid safe” dove i passeggeri possano viaggiare nella più assoluta sicurezza e serenità, hanno inoltre ricevuto l’attestazione di verifica da parte dell’ente di certificazione SGS Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“I dati di traffico dei primi 15 giorni di luglio, seppur ancora lontanissimi dalla normalità pre-Covid, uniti all’ottima risposta da parte delle compagnie aeree che stanno via via riattivando i collegamenti su Firenze e Pisa rappresentano una importante iniezione di fiducia per affrontare la delicata fase della ripartenza. Dopo un periodo di straordinaria difficoltà, rivedere i passeggeri popolare i nostri aeroporti insieme alla ripresa dei servizi è motivo di grande soddisfazione”, ha affermato il Presidente di Toscana Aeroporti Marco Carrai.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le espressioni che solo un vero fiorentino riesce a capire

  • 10 modi di dire fiorentini che dovresti conoscere

  • 15 Ghost-Town della Toscana che dovreste visitare

  • I veri nomi fiorentini e toscani

  • La vera ricetta della cecina

  • Come cucinare il lampredotto alla fiorentina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento