Tre ricette toscane per combattere il caldo estivo

Ecco tre ricette facili e veloci della tradizione toscana da cucinare a fornelli spenti. Per mantenersi in forma e combattere il solleone

Ricetta della panzanella

Buona, semplice e leggera, la panzanella è una delle ricette più amate della regione. Noi vi illustriamo la ricetta tradizionale, freschissima e veloce.

Ingredienti per 4 persone

300 gr di pane toscano raffermo;
1 cipolla rossa;
1 cetriolo;
3 pomodori; 
Basilico e aceto;
Sale e pepe q.b. e Olio extra vergine di oliva.

Prendete un contenitore con dell'acqua fredda e metteteci il pane raffermo a mollo. Una volta ammorbidito, strizzatelo bene e riducetelo in briciole dentro una zuppiera. Pulite e tagliate la cipolla e il cetriolo, aggiungete il basilico e condite il tutto con olio, aceto e sale secondo il vostro gusto. Aggiungete le verdure condite al pan molle, fate lo stesso con i pomodori tagliati a fette e mischiate bene il tutto. Lasciate riposare in frigo per qualche ora e servite con un giro d'olio a crudo e altre foglie di basilico intere.

Il gelato, storia di una ricetta tutta fiorentina

Prosciutto e popone

Non chiamatelo “melone”. In Toscana e soprattutto a Firenze, il termine “popone” non indica solo il gustosissimo frutto estivo, ma diviene anche sinonimo di persona poco furba e lenta. La parola deriverebbe dal greco “pèpon”, ovvero “cotto al sole”, “maturo”. Non è una caso dunque che il popone sia davvero buono solo quando completamente maturo.

Ottimo come antipasto o addirittura come portata unica, il binomio prosciutto-popone è l’accoppiata vincente dell’estate. Semplicissimo da preparare, ideale per un pasto veloce sulla spiaggia, per realizzarlo vi basteranno solo un paio di accorgimenti: un prosciutto (rigorosamente crudo) di buona qualità e un popone maturo al punto giusto. Pur essendo un salume, ricordatevi che il crudo è la carne più sana e indicata nelle diete.

Fave e pecorino

A Firenze i baccelli non esistono. Le fave possiedono ottimi valori nutrizionali, ricche di proteine e povere di grassi, oltre a straordinarie qualità terapeutiche, quali la capacità di abbassare il colesterolo e contrastare l’anemia. Se associate al pecorino, meglio se della Garfagnana o delle colline lucchesi, noto come “baccellone”, creano un piatto fresco e assolutamente genuino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche qui non c’è bisogno di accendere i fornelli né di rinunciare ad un buon formaggio, nonostante l’incombenza della prova costume: il pecorino, sebbene più calorico rispetto ad altri, se consumato in giuste quantità è adattissimo per qualunque dieta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente lungo la linea 1: camion si schianta sulla tramvia / FOTO

  • Santa Maria Novella: ragazzina presa a schiaffi e rapinata alla fermata dalla tramvia

  • Natalie Portman, lettera d'amore a Firenze: "La magia delle celle dei frati affrescate a San Marco, il gelato e..."

  • Palazzo Vecchio senza soldi, Nardella: “Vado a cercarli in Cina”

  • Mascherine gratis, dal 5 giugno al via la distribuzione in edicola

  • Cane rabbioso aggredisce a morsi i passanti: tre feriti in piazza Santa Maria Novella

Torna su
FirenzeToday è in caricamento