Domenica, 20 Giugno 2021

Castagnaccio, la ricetta

  • Categoria

    Dessert
  • Difficoltà

    Facile
  • Tempo

    15 minuti per la preparazione + 45 minuti per la cottura

300 grammi di farina di castagne
1 tazza di acqua (consigliamo di controllare ad occhio la quantità giusta)
Circa due cucchiai abbondanti di olio extravergine d’oliva
50 grammi di uvetta
Una manciata abbondante di pinoli circa 50 grammi
Un pizzico di sale
Qualche foglia del rosmarino

Procedimento

Ammollare l’uvetta nell’acqua, per dare maggiore sapore si può aggiungere nell'acqua un po' di Sambuca. In una ciotola setacciare la farina di castagne, unirvi il sale, l’olio e poi piano piano l’acqua. Mescolate il tutto fino ad ottenere un impasto fluido.

Aggiungere l’uvetta (ovviamente senza l’acqua) e i pinoli. Oleate una teglia - più larga sarà più il castagnaccio sarà sottile - metteteci il composto, aggiungete il rosmarino e completate con un filo di olio. Infornare la teglia a 180 gradi per 40-50 minuti: più precisamente fino a quando non si sarà creata una crosta bella spessa e scura.

Vi consigliamo di servirlo con della ricotta fresca: "è la morte sua"!

Varianti

Con le noci. Chi ama le noci può decidere di aggiungere qualche noce insieme ai pinoli oppure sostituire completamente i pinoli con le noci.
A chi non piacciono pinoli e noci. Il castagnaccio può essere fatto anche senza la frutta secca, sarà meno saporito ma non meno buono,
A chi non piace il rosmarino può decidere di non metterlo.

La ricetta

Non ci sono solo le caldarroste o le castagne bollite. Con questo magnifico frutto si possono fare dei piatti gustosi e buonissimi, ad esempio il castagnaccio. Questa torta non lievitata non ha origini solo toscane, ma anche emiliane, piemontesi, liguri e laziali.

Gli ingredienti principali sono una buona farina di castagne e l’acqua, tutto qua, poi si aggiungono l’uvetta e i pinoli.

Non ci sono solo le caldarroste o le castagne bollite. Con questo magnifico frutto si possono fare dei piatti gustosi e buonissimi, ad esempio il castagnaccio. Questa torta non lievitata non ha origini solo toscane, ma anche emiliane, piemontesi, liguri e laziali.

Gli ingredienti principali sono una buona farina di castagne e l’acqua, tutto qua, poi si aggiungono l’uvetta e i pinoli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

FirenzeToday è in caricamento