menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rischio zona rossa, Giani: “Meno preoccupazione rispetto ai giorni scorsi” / VIDEO

Lo ha spiegato il presidente della Regione Toscana 

“Il martedì è sempre il giorno migliore perché riporta dati del lunedì che, dopo la domenica, vede un minor inserimento nelle statistiche. In realtà i casi sono aumentati ma non come a ottobre-novembre quando arrivammo a 2700 casi al giorno, ma sono aumentati. Siamo su una media di novecento, oggi poco più di ottocento, ma è il doppio dei numeri degli inizi di gennaio. Quindi dobbiamo essere molto in allarme, attenti a rispettare distanziamento, igiene e portare la mascherina, perché se aumentassero ulteriormente i casi i provvedimenti saranno di nuovo i restringimenti”, lo ha detto il presidente delle Regione Toscana, Eugenio Giani, a margine dell’inaugurazione della nuova residenza universitaria dell'azienda regionale viale Morgagni. 

Il rischio zona rossa

Zona arancione e rossa

“Oggi siamo in zona arancione e non posso prevedere cosa accadrà nella cabina di regia di venerdì, ma i primi dati ci portano a pensare che rimarremo zona arancione. Le preoccupazioni della zona rossa non sono così forti come apparivano qualche giorno fa”. “Però noi vogliamo prevenire. Ci sono dei focolai in Toscana, ci sono delle varianti (brasiliana, sudafricana) preoccupanti per la rapidità di trasmissione. Ora andrò a Monteroni d’Arbia dove abbiamo preparato una tamponatura a tappeto della popolazione come già fatto a Chiusi e Sansepolcro, oggi ho parlato anche con il sindaco di Cecina”. “Accanto alla zona arancione prevediamo delle restrizioni, comune per comune, come chiusura delle scuole e  zona rossa".

"La Toscana si prepara ad affrontare le prossime settimane con la consapevolezza che l'obiettivo è: vaccini, vaccini, vaccini. Il salto di qualità che ci aspettiamo dal nuovo governo è la capacità di contrattare un numero maggiore di vaccini. Abbiamo un’ottima macchina organizzativa in Toscana, siamo primi in Italia per la somministrazione di vaccini Astrazeneca, ed è un peccato fermarsi a 8/9mila vaccini al giorno quando potremmo arrivare a 25mila”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Oroscopo Paolo Fox oggi 12 aprile 2021: le previsioni segno per segno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento