Zanzare tigre in aumento in Toscana: +45% nella terza settimana di giugno

L'esperto di Entomologia Urbana e Sanitaria del Dipartimento di Sanità Pubblica di Cesena: “Il mese di giugno, a causa delle abbondanti piogge del mese di maggio e delle prime giornate di caldo estivo, vedrà un innalzamento della presenza di zanzare”

Sale l’allarme zanzare in Toscana e nella terza settimana di giugno, complici l’umidità creata dalle recenti piogge e il rialzo delle temperature, si prevede un forte aumento della temutissima zanzara tigre (+45%). È questo il responso del  'Meteo Zanzare', sviluppato da Vape Foundation, l’organizzazione senza fini di lucro che promuove la ricerca scientifica per sostenere la lotta agli insetti nocivi. Il servizio informa i cittadini sulla presenza delle zanzare con dati aggiornati ogni settimana e per tutta l’estate basterà selezionare la provincia di interesse per scoprire il livello dell’infestazione.

Sviluppato in collaborazione con il Professor Giampiero Maracchi, Direttore dell’Istituto di Biometereologia del CNR di Firenze, e con Claudio Venturelli, esperto di Entomologia Urbana e Sanitaria del Dipartimento di Sanità Pubblica di Cesena e membro del comitato scientifico di Vape Foundation, il servizio si basa su un modello matematico che incrocia l’andamento stagionale e climatico con le attività e il ciclo biologico delle diverse specie di zanzara. Il modello usa come campione 1 ettaro di terreno rappresentativo del capoluogo di provincia e ne analizza la concentrazione di zanzara tigre.

“Il mese di giugno, a causa delle abbondanti piogge del mese di maggio e delle prime giornate di caldo estivo, vedrà un innalzamento della presenza di zanzare: l’instabilità pluviometrica lascerà spazio a giornate calde e afose, favorendo così il proliferare degli esemplari, che trova-no nell’umidità e nel caldo la propria condizione ideale. Questo fenomeno prenderà piede proprio a partire dalle aree caratterizzate dalla forte presenza di ristagni d’acqua creati dalle piogge quasi costanti delle ultime settimane”, dichiara Claudio Venturelli, membro del Comitato Scientifico di Vape Foundation e esperto di Entomologia Urbana e Sanitaria del Dipartimento di Sanità Pubblica di Cesena. “In Toscana, infatti, la presenza delle zanzare vedrà un incremento complessivo del 45% nella seconda metà del mese di giugno”.
 

 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, caso sospetto a Santa Maria Novella

  • Via Baracca: vinti 500mila euro con un "Gratta e Vinci"

  • Coronavirus: anche in Toscana nuove misure per chi torna dalla Cina

  • Lavoro: concorso per 84 assunzioni in Regione Toscana

  • Donna morta in hotel: "gioco erotico finito male", indagato il compagno

  • Coronavirus, mistero sulla comitiva "fantasma" rientrata a Firenze dalla Cina

Torna su
FirenzeToday è in caricamento