Cronaca

Youtuber: St3pny condannato a 8 mesi per evasione fiscale. Le motivazioni: "I suoi video non sono opere di ingegno creativo"

La star del web fiorentina con 4 milioni di follower non aveva aperto partita iva

Lo scorso febbraio  il tribunale di Firenze ha condannato lo youtuber Stefano Lepri, detto St3pny, a 8 mesi di reclusione per aver evaso 75 mila euro di Iva, dimenticando di presentare la dichiarazione dei redditi per quasi 344 mila euro. Ora sono uscite le motivazioni della decisione del tribunale.

Secondo il giudice, "deve escludersi che l’attività svolta da Stefano Lepri possa essere qualificata opera dell’ingegno creativo sottoposta alla particolare normativa del diritto d’autore. I video realizzati nel 2017 avevano il solo scopo di pubblicizzare prodotti ai fini della commercializzazione e dovevano essere assoggettati alla normativa in materia di Iva".

E poi: "Esperto di videogiochi, (St3pny, ndr) ha iniziato a mostrare propri video per aiutare altri giocatori e interagire con loro e, grazie alla propria abilità e alla simpatia, ha ben presto ottenuto moltissimi follower. Se nella fase iniziale, quando Lepri era minorenne, l’attività non aveva scopo di lucro, dal 2012 il giovane stipulò il primo contratto per pubblicizzare nei suoi video vari brand o videogiochi anche con l’utilizzo di banner pubblicitari". 

Youtuber: St3pny va a processo per evasione fiscale

Lepri avrebbe svolto l'attività "in maniera continuativa e abituale sia pure senza una vera e propria azienda". Il suo era dunque un "lavoro autonomo per il quale era necessaria l’apertura di una partita iva". Va ricordato che lo studente universitario fiorentino, 25 anni, star della rete con 3,7 milioni di followers, prima della fine del processo ha versato quanto dovuto al Fisco. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Youtuber: St3pny condannato a 8 mesi per evasione fiscale. Le motivazioni: "I suoi video non sono opere di ingegno creativo"

FirenzeToday è in caricamento