rotate-mobile
Cronaca

Welfare Italia Index: per la Toscana 10° posto, seconda per efficienza dell'offerta sanitaria

Il report è realizzato da 'Welfare, Italia', pensatoio di Unipol Gruppo e The European House – Ambrosetti

Presentato nelle scorse il report relativo ad analisi e valutazione del sistema di welfare della Toscana realizzato da 'Welfare, Italia', il think tank nato su iniziativa di Unipol Gruppo in collaborazione con The European House – Ambrosetti.

Nel complesso, la Toscana si posiziona al 10° posto nella classifica generale del Welfare Italia Index, perdendo due posizioni rispetto allo scorso anno. Tuttavia, in termini di efficacia, efficienza e appropriatezza del proprio sistema sanitario, la regione è la seconda in Italia. Al 5° posto invece per lo stato di salute della popolazione.

Inoltre, nel 2022 la Toscana sale sul podio nazionale, in 3° posizione, per i posti in asili nido autorizzati ogni 100 bambini tra 0 e 2 anni. In miglioramento anche il tasso di dispersione scolastica: la Toscana guadagna due posizioni e raggiunge l’11° posto.

Perdita di posizioni in classifica per quanto riguarda, invece, sia il contributo medio in forme pensionistiche integrative, che vede ora la Toscana all’8° posto (era 5° lo scorso anno), sia per quanto riguarda la spesa pubblica per consumi finali per istruzione e formazione in percentuale rispetto al Pil regionale (dall’11° al 14° posto).

L'analisi, si legge nel comunicato, vuole essere uno "strumento di monitoraggio che prende in considerazione gli ambiti di politiche sociali, sanità, previdenza e formazione e consente di identificare, a livello regionale, i punti di forza e le aree di criticità in cui è necessario intervenire".

E' effettuata su ventidue indicatori, che, ad esempio, misurano la spesa (pubblica e privata) in welfare, che raffigurano quante risorse sono allocate in un determinato territorio e indicatori strutturali che rappresentano il contesto socio-economico in cui si inserisce la spesa in welfare (ad esempio il tasso di disoccupazione o la quota di famiglie in povertà).

Nel complesso, la regione si posiziona al 10° posto nella classifica generale del Welfare Italia Index, perdendo due posizioni rispetto allo scorso anno. Un risultato che pone la Toscana esattamente al centro della classifica sebbene in termini di indicatori di spesa – ovvero le risorse messe a disposizione per il sistema di Welfare – la regione occupi la 14° posizione.

Analizzando i diversi indicatori, emerge come nel 2022 vi sia stato un calo, con conseguente perdita di posizioni in classifica, per quanto riguarda il contributo medio in forme pensionistiche integrative, che vede ora la Toscana all’8° posto (era 5° lo scorso anno).

La regione perde tre posizioni (dall’11° al 14° posto) anche per quanto riguarda la spesa pubblica per consumi finali per istruzione e formazione in percentuale rispetto al Pil regionale, impiegando il 3,2% rispetto al 4% della media nazionale.

Reddito di cittadinanza

E' in 13° posizione, invece, per spesa in Reddito e Pensione di Cittadinanza sulla popolazione regionale, "con 6,5 euro di risorse mensili per ogni cittadino (contro i 12,7 di media nazionale) e conferma la 7° posizione per beneficiari sussidio di disoccupazione Naspi sulla popolazione tra i 15 e i 64 anni".

Asilo nido

"Oltre agli eccellenti risultati in termini di sistema sanitario, la Toscana entra quest’anno sul podio, al 3° posto, per quanto riguarda i posti negli asili nido autorizzati ogni 100 bambini tra 0 e 2 anni: con 35 posti rispetto ai 26 di media nazionale", si legge nel comunicato. Posti in asilo nido che però non sono ancora assolutamente sufficienti a soddisfare le richieste.

Sempre in tema di educazione e formazione, "migliora anche il dato relativo al tasso di dispersione scolastica, che vede la Toscana guadagnare due posizioni ed occupare ora l’11° posto", con una percentuale che resta comunque alta e drammatica, al 18,7% (quasi uno studente su cinque dunque), rispetto ad una media nazionale ancora più alta, al 20,8%.

Cittadini inattivi

Per quanto riguarda gli indicatori strutturali, la Toscana si posiziona al 5° posto per cittadini inattivi su popolazione in età lavorativa con più di 34 anni, presentando un tasso del 42% rispetto al 52,8% registrato dalla media nazionale.

Neet

Per quanto riguarda i giovani 'Neet' (dall'inglese Not in Education, Employment or Training, cioè che non studiano e non lavorano), il tasso si attesta ad un preoccupante 17,9%, (la media nazionale è ancora più alta, del 21,8%) posizionando la Toscana al 7° posto.

In termini di disoccupazione della popolazione con più di 15 anni, la Toscana si posiziona in 11° posizione con un tasso del 7,7%, rispetto al 9,6% della media nazionale.

Povertà

Per quanto riguarda il livello di famiglie in povertà relativa, la regione si colloca al 6° posto con il 6,7%, che rappresenta una percentuale inferiore rispetto alla media nazionale, pari all’ 11,6%.

Pensionati

Infine, la Toscana risulta al 14° posto per quanto riguarda il numero di pensionati ogni 100 abitanti, con un totale di 28 contro i 27,1 registrati dalla media nazionale.

Infanzia, non ci sono supplenti e la scuola 'chiude'

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Welfare Italia Index: per la Toscana 10° posto, seconda per efficienza dell'offerta sanitaria

FirenzeToday è in caricamento