rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024

Mattarella in visita a Firenze. Giani "Simbolo di vicinanza con la città" \ VIDEO

Il presidente della Repubblica ha inaugurato l'anno accademico. Nardella: "Il mio ultimo incontro da sindaco"

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Dall'inaugurazione dell'anno accademico a quella della Fondazione intitolata a Piero Bargellini. La visita del presidente della Repubblica Sergio Mattarella è andata a toccare alcuni luoghi simbolo di Firenze. Una visita iniziata con l'inaugurazione dell'anno accademico al Teatro del Maggio dove il presidente della Repubblica, durante il suo intervento, ha sottolineato che lo spazio deve restare luogo di "ricerca scientifica" a "beneficio" di tutti e non essere obiettivo "di iniziative commerciali o peggio di competizione militare".

L'arrivo e l'incontro con Giani e Nardella

Appena arrivato al Teatro del Maggio, Mattarella è stato subito ricevuto dal sindaco di Firenze e dal presidente della regione Toscana. "Questo è il mio ultimo incontro da sindaco"  ha detto Dario Nardella stringendo la mano al presidente. "Questa per noi è una giornata all'insegna della sua visita - ha detto poco dopo il primo cittadino -  che tocca tre diversi aspetti della storia della nostra città. Una città che ha un legame indissolubile col capo dello stato: il presidente sa che Firenze è sempre stata e starà sempre con lui". 

"Il fatto che venga a rendere omaggio alla costituzione della Fondazione Bargellini - aggiunge Eugenio Giani - è il simbolo della vicinanza delle istituzioni alla città. Un segnale di vicinanza alla città e alla regione".

Polemica tra le righe

Prima che Mattarella andasse in visita alla Specola e alla cerimonia di intitolazione del parco di San Donato a Piero Luigi Vigna, non è mancato un momento di lieve polemica durante l'inaugurazione dell'anno accademico. Rivolgendosi ad Anna Maria Bernini, ministra dell'università e della ricerca, la rettrice dell'Ateneo di Firenze Alessandra Petrucci ha sottolineato che per il sistema universitario servono "attenzione e risorse, perché siamo il motore dell'innovazione del Paese: se si ferma ci possono essere conseguenze pesanti".

Da parte sua, riferito all'ambito universitario la ministra dopo aver assicurato attenzione in merito ha rilanciato dicendo che "Entro il 2026 dobbiamo realizzare 60.000 posti letto. Per questo individuerò una figura di coordinamento del progetto attuatore che inseriremo nel ministero al quale affideremo il compito di semplificare".

Video popolari

Mattarella in visita a Firenze. Giani "Simbolo di vicinanza con la città" \ VIDEO

FirenzeToday è in caricamento