Cronaca

Sequestrata e picchiata dal compagno a Padova: notte da incubo per una 29enne

L'uomo l'ha presa a pugni, poi l'ha rinchiusa in una stanza impedendole di uscire 

Picchiata, afferrata saldamente per il collo e rinchiusa in camera. Una prigionia che però è stata interrotta dai carabinieri liberando la donna e arrestando il compagno.

Il fatto

Erano le 5.30 quando il 112 ha ricevuto la chiamata di aiuto di una cittadina nigeriana spaventata. Nella notte aveva litigato con il compagno, un connazionale di 34 anni già noto per  alcuni precedenti. Si trovava nella casa di lui, a Carmignano di Brenta, mentre lei abita in provincia di Firenze. La lite, come ha spiegato ai carabinieri, ha preso una brutta piega e il compagno è diventato violento. L’avrebbe colpita diverse volte con i pugni, poi l’ha presa per il collo quasi volesse strangolarla. Le ha preso il cellulare e una collanina d’oro, l’ha chiusa in camera da letto a chiave, impedendole di uscire per diverse ore. Ma ecco che si è accorta di qualcosa che poteva aiutarla: l’uomo ha lasciato il proprio cellulare nella stanza e la donna lo ha usato per chiamare i carabinieri, arrivati con due equipaggi. Liberata dall’incubo quando ormai mancava poco all’alba, è stata visitata dal personale sanitario che ha refertato lesioni con prognosi di 21 giorni. Il compagno è stato arrestato per sequestro di persona, lesioni personali e rapina: ora si trova in carcere.
  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrata e picchiata dal compagno a Padova: notte da incubo per una 29enne

FirenzeToday è in caricamento