rotate-mobile
Cronaca Montelupo Fiorentino

Con 3 euro vince due milioni e mezzo: "Caso rarissimo, occhio perché tanti col gioco si rovinano la vita"

E' avvenuto a Montelupo Fiorentino, ma il primo cittadino mette in guardia: "La ludopatia cresce, bello se doni qualcosa a chi la contrasta"

Con una giocata da appena tre euro al 10eLotto ha vinto tre milioni e mezzo di euro, come riportato ieri dall'agenzia Agimeg. E' successo a Montelupo Fiorentino, paese di 14mila anime della provincia fiorentina. Con il '10' centrato dal montelupino, come fa sapere ancora l'Agimeg, si è registrata la vincita più alta registrata a questo gioco nell'anno da poco iniziato. E se per il fortunatissimo sarà certo stata un'occasione per festeggiare, il sindaco di Montelupo Fiorentino però mette in guardia.

"Due milioni e mezzo cambiano sicuramente la vita, non possiamo che gioire con chi ha vinto", premette il primo cittadino, Paolo Masetti, con un post su Facebook. "Tuttavia è bene ricordare che si tratta di un rarissimo caso", prosegue Masetti, riportando le statistiche sulle possibili vincite: una su quasi 44 milioni la probabilità di indovinare una cinquina secca al lotto, una su oltre 649mila per avere alla prima mano una scala reale servita al poker, e via discorrendo.

Una questione, quella della ludopatia, sulla quale lo Stato fa incassi più che lauti, che periodicamente torna fuori e sulla quale Masetti ha colto l'occasione di esprimersi di nuovo. "Intanto il numero delle persone che si rovinano la vita a causa della ludopatia cresce ogni anno, sono impressionanti infatti i dati della spesa procapite nel gioco. E' bello far festa, ma è anche utile ricordare a tutti di non esagerare con il gioco. Sarebbe ancora più bello se il fortunato vincitore - l'appello finale al concittadino -, scegliesse di donare anche una piccola somma della sua vincita per azioni di contrasto alla ludopatia, sarebbe fantastico".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Con 3 euro vince due milioni e mezzo: "Caso rarissimo, occhio perché tanti col gioco si rovinano la vita"

FirenzeToday è in caricamento