rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca

Inchiesta Consip: Vannoni ritratta e rischia nuove accuse

Interrogato dai magistrati avrebbe fatto marcia indietro sulle rivelazioni riguardanti il Ministro Lotti

Ha in qualche modo ritrattato le accuse che a dicembre scorso aveva mosso nei confronti del Ministro Luca Lotti. Filippo Vannoni, dopo l'interrogatorio reso ieri in Procura a Roma, e la formalizzazione delle accuse di favoreggiamento, potrebbe rischiare ulteriori contestazioni. Il Presidente di Publiacqua è stato sentito dal Procuratore Giuseppe Pignatone, dall'aggiunto Paolo Ielo e dal pm Mario Palazzi nella veste di indagato.

Vannoni si sarebbe in parte discostato rispetto alle dichiarazioni rese a suo tempo agli inquirenti napoletani. In pratica sarebbe stato spiegato che non ricordava con assoluta precisione chi gli avesse veicolato la notizia che i telefoni dei vertici Consip erano sotto intercettazione. Gli interrogativi restano a questo punto tutti sul tavolo. 

Proprio il Ministro Lotti nell'interrogatorio reso ai magistrati di Napoli a dicembre avrebbe raccontato, secondo quanto rivelato dal Fatto Quotidiano, di un curioso incontro con Vannoni, avvenuto a largo Chigi a Roma dopo che il Presidente di Publiacqua aveva parlato con i magistrati di Napoli. Vannoni, ha detto Lotti, “imbarazzato e con modi concitati, mi ha informato di essere stato sentito da Woodcock a Napoli e di avergli riferito di aver ricevuto da me informazioni riguardo l’esistenza di indagini su Consip; alle mie rimostranze circa la falsità di quanto affermato, lui ha ammesso di aver mentito e quando ho chiesto il perché si è scusato in modo imbarazzato, ottenendo una mia reazione stizzita, tanto da avergli detto ‘non ti do una testata per il rispetto del luogo nel quale siamo’, congedandolo”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta Consip: Vannoni ritratta e rischia nuove accuse

FirenzeToday è in caricamento