Vandali scrivono sul Battistero /FOTO

Lo fa sapere l'Opera di Santa Maria del Fiore

Dei vandali, presumibilmente nella notte, hanno fatto una scritta su una facciata del Battistero di Firenze, sul lato opposto al Duomo. La scritta, “Cora Eta”, realizzata con un pennarello nero, è larga tra i quindici e i venti centimetri, fa sapere l'Opera di Santa Maria del Fiore.

L’Opera di Santa Maria del Fiore accortasi dell’accaduto ha avvisato la Digos che è immediatamente intervenuta. Secondo quanto appreso, la Questura sta già lavorando all’eventuale identificazione i responsabili.

I restauratori dell’Opera di Santa Maria del Fiore stanno valutando il tipo di intervento per rimuovere la scritta già da lunedì mattina.

In precedenza nel 2013 un’altra scritta ad opera di vandali era apparsa sul Battistero ed era stata rimossa sempre dai restauratori dell’Opera di Santa Maria del Fiore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: slitta la firma, tutti i dubbi delle Regioni

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da lunedì

  • Coronavirus: nuovo record di contagi in Toscana, oltre 2.000 nuovi casi e 13 decessi

  • Rifiuta di indossare la mascherina: caos in Piazza della Repubblica 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento