Vaccino influenzale? Solo alle categorie protette: per gli altri sarà introvabile

I farmacisti: "Quote per acquistarlo inaccessibili". Lo somministrano solo i medici di base

Negli scorsi anni era persino un po' snobbato. Poi è stato al centro di feroci polemiche. Ma adesso il vaccino lo vogliono tutti. E se ancora quello per il Covid 19 non è pronto, è partita la corsa per accaparrarsi quello contro l'influenza.

La campagna vaccinale della Regione è iniziata. Con la pandemia del coronavirus si è anticipato tutto di un mese rispetto agli anni scorsi: il vaccino ridurrà i rischi virali (quelli dell'influenza) e aiuterà nelle diagnosi di Covid. Il numero di dosi prenotate dalla Toscana è consistente: sono quasi un milione e mezzo. Da "coprire" ci sono infatti tutte le categorie protette: over 60 e con patologie particolari.

I vaccini arriveranno a scaglioni e un ruolo centrale, quest'anno, ce lo avranno le farmacie: attraverso un accordo con la Regione per la logistica e la distribuzione ai medici. Ma era proprio impossibile che, come accade in altri paesi, fossero coinvolte anche per la somministrazione?

"Bisogna stare attenti a farsi prendere dalla frenesia del momento. In linea di principio è un cambiamento che vediamo con favore, ma va fatto all'interno di un percorso istituzionale corretto. E' una strada che chiediamo di poter intraprendere: dovrebbero essere cambiate le leggi e ci vuole un percorso formativo serio. Ma in questa campagna vaccinale non è previsto, spetta ai medici", spiega il presidente di Federfarma Toscana Sergio Bottari. 

Saranno i medici di base, dunque, a decidere la precedenza per la somministrazione, in base al rischio dei pazienti. "Quest'anno - aggiunge - si è pensato di agevolare i medici attraverso le farmacie, che stanno fornendo la logistica distributiva: con la pandemia La Regione Toscana ha siglato un accordo con Federfarma Toscana. Questo facilita molto i medici nell'accesso alle dosi vaccinali ed evita ingorghi".

Per garantire (giustamente) le categorie protette, però, sarà probabilmente impossibile avere il vaccino a pagamento per farselo. Una pratica che negli anni scorsi veniva attuata attraverso l'acquisto nelle farmacie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Le categorie protette sono aumentate rispetto all'anno scorso. - sottolinea Bottari - La parte di vaccini normalmente destinata alla libera scelta di chi se lo vuole fare, acquistandolo, è per ora scoperta: tutto è assorbito dal sistema pubblico. La quota fissata dalla conferenza Stato-Regioni per le cosiddette 'categorie attive' dell'1,5%. E' già di per se bassa e quest'anno potrebbe non dare accesso al vaccino: trovarlo rischia di essere una roulette. Anche qualora arrivassero non possiamo rischiare la corsa all'accaparramento con la ressa nelle farmacie".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Ministero e Iss: "Toscana a rischio lockdown, è nello scenario 3". Ipotesi chiusure scuole e tutte attività sociali, culturali e sportive

  • Coronavirus: nuovo Dpcm nelle prossime ore. Verso la chiusura di palestre e centri estetici, confermato il "coprifuoco"

  • Coronavirus, impennata di nuovi casi: 755 in Toscana 263 a Firenze  

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Incidente stradale in viale Belfiore: auto contro scooter, un ferito grave / FOTO

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento