rotate-mobile
Martedì, 6 Dicembre 2022
Cronaca

"Un altro mondo": al cinema Stensen gratis il terzo film di Stéphane Brizé, che ricorda il caso Gkn

E' la storia di un dirigente costretto dai superiori a diventare un tagliatore di teste per massimizzare i profitti, proiezione e dibattito alla presenza degli operai di Campi

A cinque mesi esatti dalle lettere di licenziamento dei 422 lavoratori della Gkn di Campi Bisenzio arrivate il 9 luglio scorso, al Cinema Stensen di Firenze giovedì 9 dicembre alle 21 sarà proiettato in anteprima nazionale “Un altro mondo”, di Stéphane Brizé (Fra 2021, 97’) alla presenza del Collettivo di Fabbrica della GKN di Campi Bisenzio e del distributore italiano Stefano Jacono (Movies Inspired). Ingresso libero previa prenotazione al seguente link: bit.ly/Unaltromondo.

Il film, in concorso all’ultimo festival di Venezia, riguarda da vicino la vicenda Gkn. E’ la storia di Philippe Lemesle e della moglie che si stanno per separare: il loro amore è irrimediabilmente logorato dalle pressioni del lavoro di lui.

Dirigente di un impianto produttivo facente parte di un grande gruppo industriale multinazionale, l’uomo non sa più come soddisfare le richieste incoerenti dei suoi superiori: ieri volevano che fosse un manager che massimizzasse la produttività, oggi vogliono un tagliatore di teste ubbidiente e senza scrupoli.

I suoi capi gli chiedono di licenziare, senza un motivo che non sia il profitto fine a se stesso, un certo numero di dipendenti. Una scelta che ricade sia sulle persone che sulla stessa qualità del lavoro. Per Philippe arriva il momento in cui decidere cosa fare della propria vita.

Stéphane Brizé è al terzo film di una ideale trilogia sul mondo del lavoro, realizzata sempre con lo stesso attore, Vincent Lindon, che nel primo (La legge del mercato) interpretava un 50enne disoccupato, ricollocato presso un supermercato dove ha il compito di controllare i clienti e i suoi stessi colleghi, diventando parte di un sistema che non ha la minima umanità.

Nel secondo (In guerra) fa la parte di un sindacalista che combatte contro la chiusura di uno stabilimento automobilistico, cercando di mantenere viva la speranza di un lavoro e di una dignità per i colleghi operai. In questo terzo film affronta il punto di vista dei dirigenti e si chiede come sia possibile che persone che hanno una vita, affetti, esperienza e studi d’eccellenza si prestino a schiacciare senza remore altre persone.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Un altro mondo": al cinema Stensen gratis il terzo film di Stéphane Brizé, che ricorda il caso Gkn

FirenzeToday è in caricamento