Ubriaco all'ospedale di Santa Maria Nuova: caos in corsia

Aggredisce medici, infermieri e una guardia giurata 

Stamani un 19enne peruviano ha aggredito medici e infermieri dopo che era stato portato all'ospedale di Santa Maria Nuova in stato di ubriachezza. Il giovane, residente a Firenze e già noto per simili reati,  ha dato in escandescenza prendendosela con i presenti. 

Il sudamericano, seguito da una guardia giurata, è riuscito a sfondare una porta a vetri a suon di pugni nel tentativo di allontanarsi ma si è ritrovato nelle corsie dell'ospedale.

Sul posto sono arrivate due pattuglie del nucleo radiomobile. Quando il giovane si è trovato di fronte i militari ha provato a scagliarsi anche contro di loro ma, dopo una breve resistenza, gli operanti sono riusciti ad ammanettarlo con le accuse di  resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento ed interruzione di pubblico servizio. Fortunatamente nessuno dei presenti ha riportato lesioni. Nella mattinata di domani sarà giudicato con rito direttissimo.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

ESERCITAZIONE ALL'OSPEDALE DI CAREGGI
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le espressioni che solo un vero fiorentino riesce a capire

  • 10 modi di dire fiorentini che dovresti conoscere

  • 15 Ghost-Town della Toscana che dovreste visitare

  • I veri nomi fiorentini e toscani

  • La vera ricetta della cecina

  • Come cucinare il lampredotto alla fiorentina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento