Cronaca Via Chiantigiana

Truffa a Ponte a Ema: finto carabiniere usa spray urticante contro anziane

Sul posto anche il 118 per verificare le condizioni delle due donne 

Ieri, poco prima delle 13, truffa all'interno di due abitazioni di Via Chiantigiana. A farne le spese due ultraottantenni che hanno visto presentarsi alla porta un finto tecnico dell'acqua. Questo ha spiegato che le acque all'interno delle tubature erano state contaminate e che, grazie a un macchinario che portava con sé, avrebbe dovuto effettuare delle verifiche. A dar credito alla storia anche il fatto che le donne abbiano cominciato a respirare con molto affanno, si ipotizza che il malvivente e il suo complice possano aver nebulizzato uno spray simile a quelli al peperoncino.

Al finto tecnico si è infatti poi aggiunto un uomo vestito con una divisa simile a quell'Arma e, qualificandosi come un carabiniere (parlando in codice anche con un terzo soggetto tramite una radiolina), ha avvalorato la storia del complice suggerendo poi alle donne di nascondere i monili in oro all'interno del frigorifero per evitare si innescasse una "pericolosa" reazione chimica.


Dopo aver convinto le donne, la coppia si è allontanata dicendo che sarebbe tornata poco dopo. Le pensionato hanno poi constatato la sparizione dei prezioni, con un ammanco quantificabile in alcune migliaia di euro. Sul posto è poi intervenuta la polizia che ha richiesto l'intervento del 118 per verificare le condizioni delle vittime sia per lo spray inalato sia per lo spavento. 

Precedenti: anziana derubata con la tecnica della fuga di gas

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa a Ponte a Ema: finto carabiniere usa spray urticante contro anziane

FirenzeToday è in caricamento