rotate-mobile
Cronaca

Treni, dopo l'incendio doloso di Rovezzano telecamere e sensori per i controlli

Vertice straordinario in prefettura a Firenze tra forze di polizia e vertici di Ferrovie

Dopo l'incendio doloso di Rovezzano che lunedì scorso ha bloccato per ore la circolazione ferroviaria di tutta Italia, la Prefettura di Firenze e Ferrovie dello Stato intensificano gli sforzi per irrobustire la sicurezza della rete ferroviaria nel capoluogo della Toscana.

È questo l'esito del vertice straordinario del comitato per la sicurezza e l'ordine pubblico tenutosi questa mattina alla prefettura di via Cavour.

Dall'incontro, presieduto dal prefetto Laura Lega, emerge la volontà di Fs, espressa dal direttore centrale per la protezione aziendale, Franco Fiumara, di proseguire il piano di investimenti già avviato e in fase di attuazione, che prevede l'introduzione di sistemi di videosorveglianza, sensori geo-referenziati per segnalare il sollevamenti di pozzetti dell'infrastruttura e di aree badge di ingresso, nonché di sistema antiscavalco dei binari.

In ragione della peculiare esposizione della ferrovia, considerata sostanzialmente un sistema aperto, il comitato riconosce la necessità di implementare ulteriori modalità di controllo.

In particolare, nelle prossime settimane sarà vagliata - come emerge da una nota diramata dalla stessa prefettura -, la possibilità di dar vita a partenariati pubblico-privato per arrivare a forme di sicurezza partecipata.

“Un importante momento di condivisione per la messa in sicurezza delle aree ferroviarie – ha detto la prefetta Lega al termine del vertice -. Avviamo un percorso che porterà all'adozione di ulteriori significative iniziative, anche con carattere sperimentale, per rendere meno vulnerabile la rete”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Treni, dopo l'incendio doloso di Rovezzano telecamere e sensori per i controlli

FirenzeToday è in caricamento