Cronaca

Tramvia, sono dolori: probabili altri ritardi

Notizie non buone dai cantieri della Vacs: la sindaca conferma l'obiettivo di settembre, ma sarà dura

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Per la linea Vacs della tramvia, a quanto pare, saranno dolori. Inizialmente, prima del via ai lavori, si diceva che avrebbe dovuto terminare "entro la fine del mandato" di Dario Nardella.

L'ormai ex sindaco si prepara a volare a Bruxelles per la proclamazione all'europarlamento ma i cantieri della linea Fortezza - Lavagnini - San Marco, come san bene tutti i fiorentini, sono tutt'altro che terminati.

A maggio il cronoprogramma dei lavori, tra un viaggio prova pre elettorale e l'altro, per far vedere la tramvia in piazza San Marco, è stato rimodulato: la consegna dell'opera avrebbe dovuto avvenire ieri, martedì 2 luglio, per poi passare alle fasi di test, pre esercizio e prove varie che solitamente prendono un paio di mesi prima del via libera ai cittadini. La data è passata ma in via La Marmora mancano ancora pezzi di binari.

Nelle scorse settimane l'obiettivo per la messa in esercizio al pubblico è stato ricentrato su settembre. "Via entro l'inizio delle scuole", dicevano sia Nardella che l'ormai anche lui ex assessore ai trasporti Stefano Giorgetti. Tutto, però, pare farsi dannatamente più difficile.

Sara Funaro ieri ha incontrato Fabrizio Bartaloni, presidente di Tram Spa, il consorzio che racchiude le ditte incaricate dei lavori e i rappresentanti delle ditte, chiedendo loro, come riportato dall'Agenzia Dire, "di mettere a punto" soluzioni a ritardi e criticità emerse "e poi presentarle la prossima settimana, quando sarà convocato un altro incontro, tutte le modalità per accelerare i tempi di chiusura dei cantieri perché sia possibile la partenza della linea a settembre".

La messa in esercizio per l'inizio delle scuole, però, da quanto trapela al momento, sembra farsi molto difficile. Lo stesso Bartaloni nei giorni scorsi ha più volte ribadito, a Repubblica e Corriere, come la sua richiesta per finire prima i lavori sarebbe stata quella di una chiusura temporanea di viale Matteotti, ipotesi respinta fermamente dalla neo sindaca: immaginiamo cosa potrebbe accadere al traffico, già ampiamente sotto stress.

"È ora di fare la tramvia del Chianti"


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tramvia, sono dolori: probabili altri ritardi
FirenzeToday è in caricamento