rotate-mobile
Cronaca

Tramvia, Linea 2: "A Peretola cantiere in ritardo di 200 giorni"

I dati resi noti da Veronica Ravagli del Movimento 5 Stelle, dopo l'audizione in commissione del dirigente del settore infrastrutture del Comune: "Manca la trasparenza, hanno paura di fallire di nuovo?"

200 giorni di ritardo nel cantiere a Peretola, 90 su quello della Fortezza. Si allontana sempre di più il completamento della linea 2 della tramvia. E' quanto emerge dalle risposte date dall'ingegner Gualdani del settore infrastrutture-mobilità del Comune di Firenze durante la commissione servizi al territorio nel Quartiere 5. A renderlo noto è la consigliera Veronica Ravagli del Movimento 5 Stelle.

In generale, sulla linea 2 ci sarebbero 40 giorni di ritardo, altri 30-40 sulla linea 3 che, sempre secondo quanto riportato da Veronica Ravagli, "contano di essere recuperati effettuando doppi turni". La consigliera chiede più trasparenza al Comune sui ritardi dei cantieri, perché i cittadini vogliono “sapere quanto ancora dovranno aspettare prima di trovarsi la strada libera o la piazza di nuovo agibile”.

I ritardi inizialmente sono stati causati dal fatto che “Trafiter, l’aggiudicataria della gara d’appalto dei lavori, non è riuscita a reperire in tempo subappaltatori per eseguire i lavori e in seguito le ditte subappaltatrici hanno dovuto rallentare i lavori a causa di problemi burocratici. Un esempio? Ottenere l’autorizzazione acustica in deroga per eseguire i lavori in strada, un calvario di passaggi burocratici tra Provincia di Firenze, Arpat e Asl. E’ tristemente comico che dei lavori di enti pubblici vengano ostacolati dagli enti pubblici stessi o dalle normative emanate da loro stessi”, commenta Ravagli. “Adesso sembra che la macchina burocratica sia più oliata e di questo ne siamo contenti – aggiunge – ma ci lascia perplessi lo stato di urgenza con cui sono state scelte le ditte subappaltatrici e forse con un po’ troppa superficialità”, denunciando che “la ditta Grazzini srl sta lavorando nel cantiere di viale Morgagni  ed ha aperto una procedura di cessazione attività, lasciando per due mesi gli operai senza stipendio”.

“L’ing. Gualdani ci ha confermato che le ditte faranno di tutto per rispettare in tempi in quanto altrimenti dovrebbero pagare una penale in base ai ritardi effettuati – prosegue – in ogni caso il cronoprogramma adesso presente sul sito del Comune di Firenze non è corretto perché a causa di questi ritardi è stato redatto un nuovo programma operativo con le nuove date dei lavori sui vari cantieri e che a quanto pare il Comune non ha intenzione di pubblicare. – conclude Ravagli - Paura di fallire nuovamente?".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tramvia, Linea 2: "A Peretola cantiere in ritardo di 200 giorni"

FirenzeToday è in caricamento