Tramvia: nuova linea fino a piazza San Marco

Annunciata la data del via ai nuovi lavori, passerà da viale Lavagnini e via Cavour

La tramvia arriverà a piazza San Marco, passando con un doppio binario al centro di viale Lavagnini, arrivando a piazza della Libertà e da qui svoltando a destra (con binario unico) in via Cavour, fino appunto a piazza San Marco. Tornerà indietro verso i viali (anche in questo caso con binario unico) da via Alfonso La Marmora.

“Abbiamo già un progetto approvato per il tratto dalla Fortezza a piazza della Libertà e fino a piazza San Marco, con l’avvio dei lavori previsto nel 2019”. A dirlo, a margine della ricognizione di questa mattina sulla linea 3 (Careggi - stazione di Santa Maria Novella) è l'assessore ai lavori pubblici Stefano Giorgetti.

Ee è il sindaco Dario Nardella stesso a confermare la notizia: “Dopo la fine dei cantieri per linee 2 e 3 ci sarà un anno di 'tregua', dall'estate 2018 all'estate 2019 nessun cantiere per le tramvie, poi potranno partire i lavori per le nuove linee”. Nuovi lavori quindi solo dopo le elezioni comunali, previste per la primavera 2019 e dove Nardella correrà per un secondo mandato a sindaco.

Per il percorso della tramvia che arriverà a San Marco si prevedono 18 mesi di lavori circa, quindi, ipotizzando il via a giugno 2019, potrebbe essere completato a marzo del 2021, anche se ancora si tratta di tempistiche solo teoriche. Il costo dell'operazione è stimato intorno ai 42 milioni di euro.

In 'ricognizione', questa mattina, oltre a Nardella e Giorgetti c'erano anche il presidente della Regione Enrico Rossi, la commissaria europea per le politiche regionali Corina Cretu e il presidente di Tram Spa, il consorzio che riunisce le ditte che svolgono i lavori, Fabrizio Bartaloni.

Quest'ultimo ha confermato le ultime date annunciate per l'avvio delle linee 3 e 2, rispettivamente per sabato 30 giugno e per fine agosto (in questo caso manca ancora il giorno esatto). Dalla commissaria Cretu è arrivata la volontà a far arrivare dall'Europa altri 40 milioni di euro per finanziare gli sviluppi del sistema tramviario fiorentino, attraverso i fondi regionali.

Sono infatti nella fase della progettazione esecutiva il prolungamento della Linea 2, dall'aeroporto fino al polo scientifico di Sesto Fiorentino, e la linea 4 Stazione Leopolda-Piagge-Campi Bisenzio. “Grazie al sistema tramviario assistiamo ad una svolta per la vivibilità e ad un forte abbattimento della CO2. Come Regione - ha sottolineato infine il governatore Rossi -, abbiamo già contribuito con 140 milioni di euro, metà dei quali arrivati dai fondi europei e un'altra metà come risorse regionali”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Ministero e Iss: "Toscana a rischio lockdown, è nello scenario 3". Ipotesi chiusure scuole e tutte attività sociali, culturali e sportive

  • Coronavirus, verso un nuovo Dpcm: ipotesi 'coprifuoco' alle 22 ovunque

  • Coronavirus: nuovo Dpcm nelle prossime ore. Verso la chiusura di palestre e centri estetici, confermato il "coprifuoco"

  • Coronavirus, impennata di nuovi casi: 755 in Toscana 263 a Firenze  

  • Coronavirus, Careggi torna al lockdown: stop alle visite dei parenti

  • Coronavirus: in Toscana altro balzo in avanti, 906 nuovi casi. Cinque decessi, tutti a Firenze

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento