Traffico sui viali: la manifestazione tra boa di piume e glitter per i diritti civili | FOTO / VIDEO

Il corteo ha bloccato una delle due carreggiate almeno per trenta minuti

Più che una manifestazione un pride. Proprio come le feste con parata del mondo LGBTQ non sono mancate musica, tacchi, boa di piume, completini in latex e il desiderio di esprimere se stessi senza se e senza ma. Un mondo colorato che chiede giustizia per chi è rimasto vittima del pregiudizio. E così a ritmo di musica il corteo partito da Piazza San Marco, alle 18:15 circa, è arrivato a destinazione, alla Fortezza da Basso, dopo circa due ore. Ma prima, i tanto trafficati viali di Firenze si sono trasformati, per circa 40 minuti, in un palco e poi in una discoteca. Un tempo breve per i manifestanti ma un'eternità per gli automobilisti.

Sono state ricordate le donne e gli uomini vittime di discriminazioni, di pregiudizi e di razzismo. Sono stati elencati i nomi di chi, se anche avesse voluto, oggi non ha potuto manifestare con loro. Vittime che pesano sulla coscienza di chi le ha uccise.

Non sono mancati striscioni e cartelloni provocatori come quello in apertura al corteo "Fr*ce sempre fascisti mai", ma anche "Proteggiti dal CoronaDigos". A guidare i circa 400 partecipanti come un vero e proprio condottiero un ragazzo in calze a rete, con i tacchi e con una maschera in lattice dal profilo canino, una sorta di Anubi (divinità egizia protettrice del mondo dei morti).

Giunti in prossimità di piazza della Libertà il corteo ha occupato i viali bloccando il traffico, passata la piazza ha proseguito in via Lorenzo Il Magnifico fino all’arrivo in Fortezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nonostante le tematiche per le quali i manifestati sono scesi in piazza in molti non sapevano per quale motivo fossero lì, alcuni hanno affermato "per caso, ci siamo imbattuti nel corteo e non capendo cosa fosse ci siamo aggregati", altri "per ballare e divertirmi" e altri ancora "per i diritti civili" senza neanche argomentare. La mancanza delle mascherine era ben visibile, solo alcune mosche bianche l'hanno indossata per tutta la durata dell'evento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: slitta la firma, tutti i dubbi delle Regioni

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da lunedì

  • Coronavirus: nuovo record di contagi in Toscana, oltre 2.000 nuovi casi e 13 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento