Cronaca

Trasporto pubblico locale: società accusata di peculato, sequestro da oltre 1 milione di euro

Secondo le accuse, l'azienda incaricata di emissione e distribuzione biglietti per conto di società concessionarie del tpl, si sarebbe indebitamente appropriata di importi derivanti dalla vendita degli stessi biglietti

I militari del comando provinciale della guardia di finanza di Firenze hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo per equivalente, emesso dal gip Federico Zampaoli, per un importo di circa 1,1 milione di euro, nei confronti di una società e del suo amministratore. 

Le indagini, dirette dal procuratore aggiunto Luca Turco, hanno portato a rilevare come, presso la società incaricata di svolgere il pubblico servizio di emissione e distribuzione di titoli di viaggio per conto di società concessionarie del trasporto pubblico toscano, in alcuni mesi del 2020, sarebbero avvenuti episodi di indebita appropriazione di importi derivanti dalla vendita dei titoli di viaggio.

L’attività investigativa di polizia giudiziaria, scaturita dalla presentazione di denunce querele da parte delle stesse società concessionarie del servizio di trasporto pubblico locale, è stata supportata dagli accertamenti finanziari condotti dai militari del nucleo di polizia economico-finanziaria delle Fiamme Gialle fiorentine, che hanno ricostruito non solo le condotte ritenute illecite ma anche i flussi delle somme trattenute e in parte versate in altra società.

In esecuzione del decreto di sequestro, i militari hanno quindi posto sotto sequestro disponibilità finanziarie e quote societarie, per circa 190mila euro, nonché 7 immobili, tra Firenze e Viareggio, del valore stimato di oltre 850mila euro. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporto pubblico locale: società accusata di peculato, sequestro da oltre 1 milione di euro

FirenzeToday è in caricamento