rotate-mobile
Cronaca

Toscana bomba chimica: tra inceneritori, pesticidi e falde inquinate

Un servizio de Le Iene delinea una situazione inquietante della situazione sanitario-ambientale della nostra regione

Una situazione sanitario-ambientale a dir poco preoccupante, almeno secondo l'inchiesta de Le Iene, realizzata dall'inviato Giulio Golia e andata in onda nella puntata di ieri sera, 28 maggio, sull'inquinamento derivante dalla produzione industriale, dagli inceneritori e dai cementifici sparsi in tutta Italia. Ne esce la descrizione di una situazione grave a livello nazionale ma anche e soprattutto nella nostra regione, la Toscana.

“In Toscana ed Emilia Romagna le falde acquifere superficiali sono contaminate per il 90% da pesticidi, e i pesticidi creano malattie metaboliche, neurologiche, in alcuni casi cancro, leucemia, soprattutto infantile”, dice a Le Iene il dott. Agostino Di Ciaula, specializzato nello studio dei rapporti tra inquinamento ambientale e salute.

L'inchiesta, che prende spunto dall'incendio di un deposito di rifiuti speciali a Pomezia, poco a sud di Roma, a inizio maggio, descrive gli effetti nocivi del particolato (il famoso PM 10 e PM 2,5) prodotto da decine di siti inquinanti (ma anche da "tutto i processi nei quali si brucia qualcosa" e dagli impianti di riscaldamento) in tutta Italia, dall'Ilva di Taranto a Porto Marghera a Venezia.

Per il dott. Di Ciaula l'esposizione agli inceneritori, in diverse zone d'Italia, ha causato l'aumento, tra le altre patologie, dei casi di tumori. Di Ciaula segnala anche, a causa dell'esposizione a fonti inquinanti per lungo tempo, “un aumento di aborti spontanei, di malattie croniche e degenerative, di alzheimer e un aumento spaventoso di casi di infertilità”.

Il tema dell'inceneritore riguarda da vicino anche Firenze, visto il progetto per costruirne uno a Case Passerini. Di Ciaula segnala anche il pericolo delle contaminazioni a causa delle tubazioni in cemento-amianto (un 'problema' che riguarda anche la rete Publiacqua).

Infine, il medico lancia un appello contro gli inceneritori e mette in guardia anche sui costi economici, oltre che sui drammi umani e sanitari, derivanti dall'inquinamento: “Bruciare i rifiuti è la soluzione peggiore, perché i rifiuti sono risorse, possono essere riciclati contribuendo ad un'economia virtuosa e sostenibile. E' prima di tutto un problema etico, ma è anche economico”, chiude il medico, segnalando come la cura delle malattie derivanti dall'inquinamento sia già costata allo Stato decine di miliardi di euro (qui il video integrale de Le Iene).

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Toscana bomba chimica: tra inceneritori, pesticidi e falde inquinate

FirenzeToday è in caricamento