Cronaca

Abusi in carcere: la procura chiede il processo per 10 agenti di polizia penitenziaria e 2 medici

Presunti pestaggi ai danni di detenuti, il pm ha chiesto il rinvio a giudizio per dodici persone

Tortura e falso in atto pubblico: sono le accuse contestate a vario titolo a 12 persone, due medici e 10 agenti di polizia penitenziaria, indagati per il caso dei presunti pestaggi a Sollicciano esploso lo scorso gennaio.

Il coinvolgimento nell'inchiesta dei due medici, all'epoca dei fatti accertati dalla procura, tra il 2018 e il 2019, in servizio presso il carcere di Sollicciano, è emerso solo ora, con la richiesta di rinvio a giudizio.

Secondo il pm Christine Von Borries, i due camici bianchi avrebbero redatto falsi certificati in relazione alle condizioni dei detenuti, vittime delle presunte violenze da parte degli agenti.

Sollicciano, inchiesta choc: torture in carcere

L'inchiesta divenne pubblica 5 mesi fa, quando tre agenti penitenziari, tra i quali un'ispettrice, finirono agli arresti domiciliari, mentre per altri sei venne disposta la misura cautelare dell'interdizione dall'incarico per un anno e dell'obbligo di dimora nel comune di residenza.

Secondo le accuse, nell'ufficio dell'ispettrice sarebbero avvenuti almeno due episodi di pestaggi ai danni di altrettanti detenuti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusi in carcere: la procura chiede il processo per 10 agenti di polizia penitenziaria e 2 medici

FirenzeToday è in caricamento