rotate-mobile
Cronaca

Sabbia, colla e oro: l'arte secondo Tim Bengel / VIDEO

A soli 25 anni è considerato uno degli artisti più promettenti della sua generazione. A FirenzeToday ha confessato di volersi prendere una pausa dopo la Biennale

Altissimo, occhi azzurri e capelli riccioluti. Un ragazzo semplice che però, a soli 25 anni, è considerato uno degli artisti più promettenti della sua generazione. Tim Bengel nato il 31 dicembre del 1991 a Ostfildern, vicino a Stoccarda in Germania, in quattro anni è diventato un vero e proprio caso mediatico. I video in cui mostra come realizza le sue opere con sabbia e foglie d'oro hanno più di 400mila visualizzazioni (tra pagina Facebook e Instagram sono quasi un milione gli utenti che lo seguono).

Dopo alcune esibizioni di gruppo in Germania, Malesia ed Emirati Arabi per Bengel è arrivata la prima "esibizione solista", dedicata alle opere monumentali, alla Hg contemporary gallery di New York. Dal 6 al 15 ottobre sarà alla Florence Biennale come "special guest" e proprio alla Fortezza da Basso, nel padiglione Spadolini, svelerà la sua ultima creazione dedicata all'Italia. A FirenzeToday ha confidato: "Spero che nessuno a Firenze ci rimanga male" perchè l'opera rappresenta un monumento - o sarebbe meglio dire "il monumento" - romano (l'esibizione sarà il 13 ottobre alle ore 11:00).

IMG_2760-2
L'artista e l'opera che verrà svelata il 13 ottobre

Durante l'intervista, che si è svolta in inglese, l'artista ha affermato di essere molto felice del successo che la sua arte ha avuto e che nel 2014, quando per la prima volta utilizzò la sabbia per "dipingere" un ritratto del padre, non si sarebbe mai aspettato un così grande riscontro.

Internet ed i social network hanno avuto un ruolo fondamentale per la sua carriera, "le persone - continua Bengel - si sono avvicinate alla mia arte senza alcun investimento pubblicitario da parte mia, ho solo caricato un video in rete".

"Sono stati anni molto impegnativi, la scorsa settimana ero a New York, ora sono qui in Italia, a Firenze - spiega Bengel -. Sono sempre in viaggio, per questo ho deciso di prendermi una pausa dopo la Biennale anche se ho già molte richieste di lavori in varie parti del mondo. Voglio del tempo per poter studiare e leggere".

La sua tecnica richiede molta attenzione: l'uso di colla, sabbia e foglie d'oro non è semplice quanto sembra. Ogni dettaglio è studiato e curato nei minimi particolari.

"Molti artisti utilizzano i colori ad olio o gli acquerelli, altri fanno sculture, credo che l'arte sia fare le cose nel proprio modo con diversi materiali. Io ho trovato la mia chiave d'espressione nella sabbia".

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sabbia, colla e oro: l'arte secondo Tim Bengel / VIDEO

FirenzeToday è in caricamento