Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Tav: Ferrovie abbandona il tunnel? La Cisl non ci sta

Il sindacato cita indiscrezioni su "nuove soluzioni di superficie". Ma la Regione e il governo smentiscono

“I ritardi dei treni regionali nella Toscana centrale non si risolveranno finché non si sbloccherà il nodo di Firenze, mandando sotto terra l’alta velocità e liberando così i binari di superficie per il trasporto locale. Negli ultimi tempi invece le Ferrovie stanno aumentando gli investimenti tecnologici in superficie per l’alta velocità, come se intendessero archiviare l’idea del tunnel”. E’ l’allarme lanciato dalla Cisl, per bocca del segretario generale aggiunto Ciro Recce insieme a Stefano Boni, segretario regionale Fit-Cisl.

“Ufficialmente tutto tace – dicono Recce e Boni - ma per l’attraversamento di Firenze dell’alta velocità in ambiente ferroviario circolano indiscrezioni su nuove soluzioni rispetto al tunnel. Per l’alta velocità si sta lavorando per ricomprendere tutte le funzioni della circolazione delle stazioni di Firenze Rifredi e SMN nella stazione di Firenze Campo Marte, potenziando il comparto e permettendo ai treni AV una migliore performance sia in puntualità che in velocità. Si sta creando insomma un'alternativa al tunnel sotterraneo, senza risolvere peraltro la strettoia fra le stazioni di Rifredi e SMN per i treni regionali.”

“I ritardi nei lavori, sia per lo smaltimento delle terre di scavo che per l’autorizzazione paesaggistica, non possono essere presi a pretesto da FS–RFI per tirare avanti e poi far passare i treni AV in superficie”, dicono Recce e Boni, che ricordano come “la scelta del sottoattraversamento nacque soprattutto dalla necessità di liberare i binari di superficie. Solo così infatti sarà possibile uno sviluppo sostenibile del trasporto pubblico locale su ferro e consentire alla stazione di Santa Maria Novella di diventare il centro per la mobilità territoriale nella regione, tenendo conto anche delle linee tranviarie che si stanno costruendo.”

La notizia è stata però smentita dal sottosegretario alle Infrastrutture Riccardo Nencini, oltre che dall'assessore regionale ai Trasporti Vincenzo Ceccarelli, che ha detto: "Ad oggi non ne sappiamo nulla, se ci dovesse essere questo eventuale ripensamento ce lo verranno a dire, illustrandoci le motivazioni e vedremo se le soluzioni che portano risolvono il problema in maniera equivalente al sotto attraversamento". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tav: Ferrovie abbandona il tunnel? La Cisl non ci sta

FirenzeToday è in caricamento