rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Cronaca Campo di Marte

Tav Firenze: ecco la road map. A primavera riparte 'la talpa' a Campo di Marte

Confronto stamani tra Ferrovie di Stato e Rfi col presidente della Regione Eugenio Giani e col sindaco di Firenze Dario Nardella. C'è una timeline per per la realizzazione del passante e della Stazione AV

Confronto stamani tra Ferrovie di Stato e Rfi con il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani e il sindaco di Firenze Dario Nardella sul Tav di Firenze, in cui sono state tra l'altro fornite dettagliate informazioni sui prossimi passi dell'opera.

Entro il 10 agosto sarà pubblicato il bando di gara relativo all’appalto, da oltre un miliardo e cento milioni di euro, per la realizzazione del passante e della Stazione AV di Firenze, con l’obiettivo di procedere alla consegna dei lavori all’impresa aggiudicataria entro il corrente anno.

La "talpa"

Intanto la Società IFR (Infrarail Firenze) ha già affidato alla Società Herrenknecht l’esecuzione degli interventi di revamping della TBM (la talpa che dovrà eseguire lo scavo) presso il cantiere di Campo Marte. Dal primo agosto intanto sono state avviate le attività propedeutiche allo smontaggio della macchina che proseguiranno fino a marzo accompagnate da quelle di revisione, sostituzione componentistica e riassemblaggio. Entro la fine di marzo, completate tutte le operazioni e i test preliminari, la macchina potrà essere accesa. Parallelamente proseguiranno con la Società IFR nel cantiere della Stazione AV una serie di attività propedeutiche alla prosecuzione dei lavori affinché terminino nei tempi programmati.

Tunnel Tav, l'inizio dei lavori slitta ancora. Giani: "Pronto a mettermi sui binari"

La Società IFR continuerà a garantire fino all’avvio delle attività di scavo la custodia, la gestione e la manutenzione dei cantieri, l’esecuzione delle attività propedeutiche in stazione, il supporto alla Società Herrenknecht per il revamping della TBM. E assicurerà la propria presenza ed il proprio supporto durante tutta l’esecuzione dei lavori in qualità di progettista dell’opera.

Inoltre sempre IFR progetterà e realizzerà la nuova fermata di Circondaria contigua alla stazione AV, che gode di un primo finanziamento nel PNRR e per la quale è in avvio la Progetto di Fattibilità Tecnico Economica e inizierà la progettazione del People Mover tra Firenze Santa Maria Novella e la stazione AV.

Le cause dello slittamento

Nel corso dell'incontro sono state anche illustrate le motivazioni che hanno condotto a uno slittamento dell’avvio dei lavori per il sottoattraversamento ferroviario del capoluogo fiorentino e le decisioni assunte da RFI per iniziarli nel minor tempo possibile, il tutto con l’obiettivo di poter riassorbire questo ritardo iniziale durante l’esecuzione dei lavori e la successiva messa in esercizio delle nuove infrastrutture, tunnel e stazione AV.

Legambiente: "Tunnel Tav e ampliamento aeroporto opere da avversare senza tregua"

"Purtroppo - ha spiegato Ferrovie in una nota - all’origine dello slittamento ci sono state cause di forza maggiore ben note, che non hanno riguardato solo Firenze, quali l’imprevedibile e consistente aumento dei prezzi delle materie prime e dell’energia. Questo ha imposto una completa revisione delle tariffe dei bandi di gara per gli appalti in opere pubbliche, anche quelle incluse nel PNRR, e una loro riprogrammazione dopo l’intervento del Governo con il DL Aiuti".

Gruppo FS: "Opera strategica"

Nel corso dell’incontro il Gruppo FS con RFI ha infine riaffermato la propria convinzione sulla strategicità dell’opera, di cui trarranno vantaggio sia i treni dell’Alta Velocità sia, e ancor più, quelli regionali e metropolitani che potranno disporre, in modo esclusivo, della rete di superficie, con effetti positivi sia sulla regolarità del servizio sia sul suo eventuale potenziamento, in termini di frequenza e numero di corse.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tav Firenze: ecco la road map. A primavera riparte 'la talpa' a Campo di Marte

FirenzeToday è in caricamento