Isolotto: massacrano di botte ragazza–madre, poi la stuprano a turno

Due uomini sono stati arrestati dopo aver violentato una diciottenne nella notte tra il 30 novembre e il 1 dicembre. La donna è stata seviziata da due connazionali

Ieri pomeriggio si è conclusa con l’arresto di due cittadini romeni l’indagine per uno stupro di gruppo avvenuto nella notte tra il 30 novembre e il primo dicembre a danno di una giovane ragazza - madre.

DINAMICA -  Intorno alle 4 di quel venerdì la ragazza, madre di un figlio piccolo, smette di battere il marciapiede e prima di rincasare si ferma in un paninaro di via Pratese. Proprio in quel chiosco incontra quelli che saranno i suoi aguzzini. Un panino, una bibita e due chiacchere. Gli arrestati, di 23 e 25 anni, connazionali della lucciola, cominciano a insistere per riportarla a casa. Lei rifiuta. E preferisce accettare un passaggio da un conoscente. Arriva a casa, zona Isolotto, ma i due l’hanno seguita in auto.

Qualche battuta prima che entri nel portone e riescono a convincerla a salire sulla loro utilitaria. Poi partono a bordo della Fiat Punto. Non vanno troppo lontano. Si fermano e cominciano a picchiarla. Pugni e schiaffi poi l’abuso sessuale. Uno la tiene per le braccia l’altro la violenta. Poi si scambiano: uno la immobilizza l’altro sopra di lei. La ragazza, massacrata di botte, sviene per qualche momento durante lo stupro. E se non bastasse la mordono sui fianchi per arrivare poi a introdurle uno straccio nelle parti intime.

Intorno alle sette la scaricano vicino casa, lì dove l’avevano trovata. La giovane è stordita e spaesata. Un passante la vede, capisce quanto accaduto, e chiama il 118. All’ospedale di Careggi la diagnosi parla di tumefazioni facciali estese e morsicature, oltre alla violenza sessuale.

La diciottenne torna nel suo Paese, poi si convince a tornare e sporgere denuncia sebbene tema ritorsioni.  Partono le indagini. L’appiglio agli agenti della squadra mobile lo dà un testimone, presente quella sera al paninaro, che ricorda alcuni numeri della targa.

I riscontri, la vettura è stata immatricolata in Romania, permettono agli investigatori di risalire ai due violentatori: Radu Ilie e Pantur Laurentiu Cristian. I due, entrambi incensurati, vengono fermati ieri pomeriggio: uno mentre lavorava come imbianchino in via Guido Monaco, l’altro a casa di un amico. Immediato il trasporto nel carcere di Sollicciano con l’accusa di violenza sessuale aggravata di gruppo e lesioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La montagna vicino Firenze: le escursioni a due passi dal capoluogo toscano

  • Diakhate denunciato per aggressione: il calciatore si difende 

  • Coronavirus, focolaio in Mugello: 18 positivi e 300 in quarantena

  • Paura al parco delle Cascine: accoltellato più volte dal branco

  • Meteo: arrivano le piogge, scatta l'allerta

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze tra sagre e musica

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento