rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

Strage Erasmus, ridotti i risarcimenti per le vittime: la rabbia delle famiglie

I familiari: "Poco rispetto per il valore della vita umana, tutti i soldi in beneficienza"

Rabbia e sdegno per la decisione di una compagnia assicurativa spagnola di decurtare gli indennizzi per le famiglie delle studentesse Erasmus morte nel marzo scorso in un tragico incidente di autobus a Tarragona, in Catalogna.

La cifra finora calcolata come risarcimento alle famiglie è intorno ai 70mila euro, ma dovrebbe essere decurtata del 25 per cento perché, a dire dell'istituto previdenziale, le vittime non indossavano la cintura di sicurezza al momento dell'incidente.

Scandalizzati i familiari delle vittime, che promettono battaglia, non per i soldi - che saranno devoluti in beneficienza - ma per lo scarso valore attribuito alla vita umana. A loro ha rivolto un pensiero il presidente del Consiglio Matteo Renzi, esprimendo "amarezza e rabbia" per la decisione.

Su quell'autobus in viaggio da Valencia a Barcellona il 20 marzo 2016 trovarono la morte 13 studentesse, sette delle quali italiane, tra cui tre toscane: Valentina Gallo, Elena Maestrini e Lucrezia Borghi. L'autista ammise di essersi addormentato.

Incidente mortale in Spagna: la vittima Valentina Gallo ( foto da Facebook)

Incidente mortale in Spagna: la vittima Elena Maestrini (foto da Facebook)

'Incidente mortale in Spagna: la vittima Lucrezia Borghi (foto da Facebook)'

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage Erasmus, ridotti i risarcimenti per le vittime: la rabbia delle famiglie

FirenzeToday è in caricamento